Udine, in tremila nel primo giorno di apertura di Casa Cavazzini

Sono state 2 mila e novecento le persone che non hanno voluto mancare a uno degli appuntamenti culturali più attesi dell’anno, vale a dire l’apertura del nuovo Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Udine .

Inaugurato con il taglio del nastro venerdì sera alla presenza delle autorità, nella prima giornata del Museo si sono sfiorati i 3 mila biglietti staccati. Una giornata, che coincide con l’Ottava Giornata nazionale del contemporaneo, in cui il Comune di Udine ha voluto aprire gratuitamente le porte di “Casa Cavazzini” alla città proprio per festeggiare il grande evento.

“Si tratta di un risultato – dichiara l’assessore alla Cultura, Luigi Reitani – che va al di là delle nostre aspettative più fiduciose e che conferma il senso di identificazione dei cittadini udinesi verso il loro patrimonio culturale. Per l’amministrazione comunale e per i Civici Musei – conclude – si tratta del riconoscimento pieno del grandissimo lavoro svolto in questi anni”.

Come prima mostra temporanea del nuovo Museo, è visitabile al piano terra di “Casa Cavazzini”, la mostra “Metamorphosis – Le collezioni Moroso fra design e arti visive”, dedicata a una delle più conosciute industrie di arredo e design friulane a livello internazionale proprio nel 60° anniversario dalla nascita della storica azienda friulana.

Il Museo d’Arte Moderna e Contemporanea, con le sue ricche collezioni esposte sui due piani del complesso, l’appartamento Cavazzini, vero e proprio museo nel museo, e la mostra “Metamorphosis” allestita al piano terra, sono aperti ogni giorno, tranne il martedì, con orario continuato dalle 10.30 alle 17. La mostra Moroso chiuderà i battenti il 13 gennaio 2013.