Domenico Caruso racconta la nostra storia

La recente pubblicazione “La nostra storia” – La Calabria – La “Vallis Salinarum” – (ilmiolibro.it) del Gruppo Editoriale “L’Espresso” è pronta ad essere inserita nel Catalogo dei Libri italiani in Commercio e potrà essere acquistata anche sul sito e nelle librerie della “Feltrinelli”.

Altre due opere dell’autore, “Usi, tradizioni e costumi di Calabria” – (Ambiente, canti, credenze, curiosità, detti, dizionarietto, magia, proverbi, riti, società, storia, vizi capitali) e “Il dolore, la morte & la speranza” – (Il trittico dell’uomo) alla seconda edizione con l’aggiunta de “Il processo di Gesù” e “I Grandi Temi della vita”, potranno consultarsi e richiedersi su Internet (“Il mio libro”). Riportiamo uno stralcio della “premessa” riguardante “La nostra storia”: “Turpe est in patria vivere et patriam ignorare”.  (Plinio)

“Prima d’intraprendere lo studio del nostro meraviglioso paese, occorre riflettere su come l’hanno celebrato e amato i suoi uomini illustri e la sua brava gente. Non potrò dimenticare la tristezza provata il 14 aprile 1965 nell’apprendere la tragica fine di Franco Costabile, grande innamorato della propria Terra: “Un arancio / il tuo cuore, / succo d’aurora. / Calabria, / rosa nel bicchiere”. Si era spenta per sempre un’autentica voce del nostro tempo, che scorgeva nell’emigrazione un motivo di emarginazione:

 “Ce ne andiamo / con dieci centimetri / di terra secca sotto le scarpe / con mani dure con rabbia con niente”.

Vani sono risultati i suoi tentativi di fuggire dalla realtà, poiché anche la speranza di un riscatto si rivela ancora lontana:

“Un giorno / anche tu lascerai / queste case, / dirai addio / Calabria infame”.

“La nostra storia”, che ha inizio 250 milioni di anni fa, procede con le migrazioni e le dominazioni straniere (Greci, Bruzi, Romani, Barbari, Arabi, Normanni), come ben canta Giovanni Conìa: «Nui simu ’ntra l’Italia / e fummu Greci puru: / e quanti ’nci ’ndi furu / genti strani! // E quanti àutri nazioni / ’ndi vìnnaru d’intornu / d’orienti a menzujornu / e tramuntana!». Non mancano le pagine gloriose, nonché la vita e l’azione degli uomini illustri.

La seconda parte del libro tratta la “Piana delle Saline” (“Vallis Salinarum”), di tempo in tempo di S. Martino, di Terranova, di Gioia Tauro (che ora si estende per 400 Kmq. e comprende 33 Comuni), la quale ricoprì per alcuni secoli un ruolo di primo piano nella vita della Regione e, nel periodo angioino, dell’intero Regno. Nacquero là importanti personaggi e si verificarono eventi (come il matrimonio nel 1062 di Giuditta di Grantmesnil e il solenne Parlamento del 1283) di eccezionale valore storico. Gli approfondimenti, come la visione di Dante, la lingua e il dialetto, le leggende e le curiosità, i terremoti (primo fra tutti “Il Flagello” del 1783), forniscono un ulteriore motivo di ricerca.

 Uno studio di molti anni che i lettori hanno potuto seguire dalle colonne delle più note riviste culturali (come “Calabria Letteraria”) e da quelle de “La Piana” di Palmi”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Domenico Caruso racconta la nostra storia Domenico Caruso racconta la nostra storia ultima modifica: 2012-09-01T05:11:22+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0