Consegnato a Karen Putzer il premio dell’Euregio rivolto a giovani ricercatori

Va all’ex campionessa di sci Karen Putzer nell’ambito del Forum Europeo di Alpbach, il premio GECT per giovani ricercatori. Presenti alla cerimonia il presidente della Provincia Durnwalder, il ministro austriaco della ricerca scientifica, Karlheinz Töchterle ed il presidente del Forum, Franz Fischler.

La Giornata del Tirolo, che si è svolta il 19 agosto nell’ambito del 68° Forum Europeo di Alpbach, è stata dedicata al tema “Il futuro dello sport nell’arco alpino” e per la prima volta quest’anno nell’ambito del Forum è stato assegnato un premio a giovani ricercatori che operano nel campo dello sport nell’arco alpino.

Il premio è stato messo in palio dal GECT, il Gruppo europeo di cooperazione territoriale, composto da Tirolo, Alto Adige e Trentino e dalle rispettive Camere di Commercio.

Hanno potuto prendere parte al concorso giovani ricercatori sino ai 35 anni d’età che operano nei Paesi dell’Euroregione in settori riguardanti lo sport e la salute, lo sport ed il cambiamento climatico, lo sport ed il diritto, lo sport e l’economia e la tecnica.

Il presidente della Provincia, Luis Durnwalder, ha potuto consegnare il premio a Karen Putzer, ex campionessa di sci ed oggi studentessa di giurisprudenza a Trento la quale ha svolto una ricerca sul tema “La responsabilità penale degli sciatori in caso di slavine”.

Nella sua ricerca Karen Putzer ha preso in considerazione diversi episodi verificatisi sia in Alto Adige che nel Tirolo e le diverse ripercussioni che tali episodi hanno avuto sotto il profilo penale per gli sciatori coinvolti, auspicando che si giunga ad una legislazione comune tra le due aree a forte vocazione turistica.

9 su 10 da parte di 34 recensori Consegnato a Karen Putzer il premio dell’Euregio rivolto a giovani ricercatori Consegnato a Karen Putzer il premio dell’Euregio rivolto a giovani ricercatori ultima modifica: 2012-08-20T13:38:15+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0