Milano, Angelo Boccardi muore sotto un tram

Un uomo di 64 anni è morto dopo essere scivolato con la sua bicicletta sotto un tram della linea 9 in viale Bligny. Il ciclista, secondo quanto riferito dall’Atm, stava sorpassando sulla sinistra il tram, quando ha perso il controllo del suo mezzo e, scivolando, è finito sotto il tram ed è stato trascinato per alcuni metri dal convoglio, rimanendo ucciso e incastrato tra i binari.

L’incidente è avvenuto all’altezza del civico 45, nei pressi dell’incrocio con viale Ripamonti e sul posto sono intervenuti i mezzi del 118, dei Vigili del Fuoco e della Polizia Municipale. I pompieri, in particolare, hanno lavorato a lungo per estrarre il corpo della vittima, che è stato recuperato dai soccorritori. Il conducente del tram, spiegano sempre dall’azienda dei trasporti milanese, non ha potuto fare nulla per evitare l’impatto e si trova in stato di choc. La linea 9 è stata parzialmente interrotta e sostituita con dei bus che hanno bypassato l’area dell’incidente, limitando le ripercussioni sul traffico della zona.

Angelo Boccardi, di 64 anni, residente a Vimodrone, è deceduto mentre il conducente del tram, che non ha potuto in alcun modo evitare l’impatto. Sul posto sono intervenuti gli operatori del 118 che hanno constatato il decesso dell’uomo. I vigili del fuoco hanno estratto il cadavere incastrato sotto le ruote. I soccorritori parlano di ampie ferite ad addome e testa causate dal passaggio del mezzo sul corpo.

Il tram stava procedendo in viale Bligny da via Vittadini verso via Ripamonti, quando è avvenuto l’incidente. In quel momento, secondo i rilievi, il ciclista era affiancato al mezzo e procedeva nella stessa direzione. Il conducente di un’auto, un ragazzo di 28 anni che ha assistito all’incidente, è stato trasportato in codice verde al Policlinico per lo choc subito.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano, Angelo Boccardi muore sotto un tram Milano, Angelo Boccardi muore sotto un tram ultima modifica: 2012-06-14T20:27:35+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento