Zungri, si discute di inquinamento ambientale causato dall’elettrosmog

Un importante incontro sul tema della tutela dell’ambiente e della salute, in particolare sugli effetti negativi dell’inquinamento dell’aria a causa dell’elettrosmog, avrà luogo domani 22 marzo dalle ore 18:00 a Zungri (sala parrocchiale, chiesa San Nicola). A promuovere l’iniziativa il comitato “No Antenna”, nato cinque anni addietro per combattere il progetto di installare una antenna di telefonia mobile nei pressi del centro abitato. Il presidente del comitato, Camillo Pugliese, ha voluto richiamare l’attenzione di tutte le istituzioni locali del comprensorio del Poro e delle associazioni del territorio provinciale sensibili al problema ambientale, per riprendere il dibattito su una questione di grande rilevanza per la salute. Oltre alla sensibilizzazione dei cittadini, l’incontro avrà anche lo scopo di approfondire la problematica. Nonostante le malattie oncologiche di origine ambientale siano sempre più diffuse e pervasive, purtroppo, le cause di questo aumento passano in secondo piano di fronte ad interessi privati, o addirittura nell’indifferenza. A distanza di anni a Zungri (Vv) si ripropone in modo analogo il problema, a causa di alcune richieste da parte di gestori di telefonia mobile per la installazione di due antenne su proprietà private. Anche questa volta, a quanto pare, nel progetto non sono stati tenuti in conto parametri cautelativi per la salute, né per la tutela paesaggistica. Parteciperanno alla serata professionisti esperti in materia di telecomunicazione e rappresentanti di associazioni che da anni sono impegnate in particolar modo nella problematica inerente il rapporto elettrosmog e salute, i cui interventi in particolare dovrebbero stimolare efficacemente il dibattito. Il Comitato promuove questo incontro perché convinto che attraverso una corretta informazione e un confronto diretto tra cittadini e istituzioni si possano raggiungere convergenze sui complessi problemi che attanagliano il nostro ambiente, per la difesa del diritto alla salute, come sancito dall’art. 32 della Costituzione. Hanno dato la loro adesione diverse associazioni, tra cui il Forum delle associazioni del Vibonese, l’I.c.a.a. di Vibo Valentia, il Wwf, Legambiente, il Praesidium di Capo Vaticano, la Delegazione Vibonese di Italia Nostra, l’associazione culturale Alighistos, il Comitato etico per la Tutela del territorio di San Calogero, l’Associazione culturale Zaleuco onlus e le associazioni che operano sul territorio di Zungri (associazione culturale Nicopoli, Pro Loco, associazione Giovani d’oggi, circolo Primavera, associazione Aramonese e la Sportiva Zungrese).

Lascia un commento