Mesagne, Antonio Finia uccide la moglie Concetta Milone perché posseduta

Era convinto che la moglie fosse posseduta dal diavolo, e per questo l’ha uccisa. Antonio Fina, un pensionato di 75 anni, ex dipendente dell’Asl, ha imbracciato il suo fucile da caccia ed ha sparato contro sua moglie, Concetta Milone, di 77 anni, uccidendola.

E’ accaduto a Mesagne, in provincia di Brindisi, in una villetta bianca di campagna, circondata dal verde. L’omicidio è avvenuto ieri mattina, attorno alle ore 08:00, ma solo nella tarda serata di ieri è stato scoperto da una parente.

Lascia un commento