Ben Harper, a Taormina la sua prima volta in Sicilia

 

Il 25 luglio, nella magica atmosfera del Teatro Antico, il cantante e chitarrista californiano si esibirà nell’unico concerto nel Sud d’Italia

di questo suo primo tour interamente acustico. Accompagnandosi con la sua mitica chitarra Weissenborn

 

La data è ora ufficiale, come conferma la pubblicazione sul cliccatissimo sito dell’artista (http://www.benharper.com), il 25 luglio, nella magica atmosfera del Teatro Antico di Taormina, il cantante e chitarrista californiano si esibirà nell’unico concerto del sud Italia della tournee An acoustic evening with Ben Harper, la prima interamente acustica della sua ormai più che ventennale carriera.

“Sulle gambe – ha sottolineato Carmelo Costa, che con la sua Musica da Bere srl organizza, in collaborazione con Taormina arte, l’evento – Ben Harper avrà la sua leggendaria chitarra Weissenborn, un modello slide che risale agli anni Venti del secolo scorso, e che gli fu data dal nonno, liutaio sbarcato in America dalla Russia”.

A Claremont, cittadina californiana a80 chilometrida Los Angeles e a un passo dal deserto, il piccolo Ben nacque infatti nel 1969 e crebbe, dopo il divorzio dei genitori, nel Folk Music Center, il negozio di strumenti musicali dei  nonni materni. Lì imparò a riparare gli strumenti ma soprattutto a suonare. E a dodici anni stupì un pubblico di professionisti esibendosi con una chitarra a dodici corde.

L’album con cui debuttò nel 1994, Welcome to the cruel world, ebbe un grande successo di critica. Da allora e fino al al recentissimo Give till it’s gone, pubblicato nello scorso mese di maggio, Harper, con la band The Innocent Criminals suonò con R.E.M., Pearl Jam, Radiohead, A Tribe Called Quest, Gov’t Mule, Beth Orton, The Fugees e John Lee Hooker. Collaborò poi con The Blind Boys of Alabama, Fistful of Mercy e Relentless 7. E nel 2008, dopo aver suonato la chitarra in Fango, accompagnò Jovanotti sul palco di Sanremo.

Adesso però torna a quel “Suono acustico delle prime chitarre.. alle radici di gran parte della musica americana: la mia musica nasce così, non è una versione unplugged di qualcos’altro: perché acustico ed elettrico, come del resto slide e chitarra normale, sono linguaggi completamente differenti”.

Il programma di Taormina potrebbe essere diverso da quello delle altre date italiane – dall’esibizione del 18 luglio nel Castello Sforzesco di Vigevano, a quelle dell’anfiteatro Camerini di Piazzola sul Brenta, dell’Imola Rock, e delle Capannelle di Roma – per via della particolare atmosfera del sito.

I biglietti per il concerto di Taormina – i prezzi (prevendita compresa) variano dai 46 euro per la Cavea non numerata fino ai 95 euro per la Poltronissima Vip numerata – saranno in vendita a partire da oggi in tutti negozi autorizzati del Circuito Box Office Sicilia. Possibile l’acquisto on-line collegandosi con www.ctbox.it oppure www.boxol.it (per informazioni 095-7225340).

Lucio Di Mauro

Giornalista - Presentatore Conduttore TV - Critico Teatrale e Cinematografico - Iscritto Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani

Lascia un commento