Il frate Marino Sassoli muore carbonizzato

Un frate cappuccino della parrocchia di San Francesco di Montecatini, in provincia di Siena, è morto carbonizzato mentre cercava di spegnere un fuoco acceso da qualcuno per bruciare sterpaglie e foglie.

Marino Sassoli, originario di Rassina (frazione di Castel Focognano, Arezzo), aveva 70 anni. L’uomo ha passato una recinzione nei pressi dei terreni della parrocchia, ma è stato investito dall’incendio alimentato dal forte vento.

Per il religioso non c’è stato scampo ed è stato trovato appoggiato alla recinzione.

Lascia un commento