Politiche di genere, Crotone stimola i sindaci

Maria Francesca Siclari, Consigliere di parità della Provincia di Crotone, ha inviato nella giornata di ieri una lettera ai 27 sindaci del territorio. Questo il testo della missiva.

“Egr. Sig. Sindaco, l’Ufficio della Consigliera di Parità ha inteso creare una rete di contatti da instaurare con i soggetti che agiscono nel territorio dei Comuni della Provincia di Crotone, finalizzata alla diffusione delle informazioni, allo scambio del Know-how, all’assistenza nelle iniziative afferenti alle politiche di genere ed alle pari opportunità. Come saprà, la materia spesso sottovalutata, riveste aspetti significativi della vita di tutti cittadini ed in particolare di tutti i lavoratori e/o lavoratrici ma, le relative politiche, per vari ed ovvi motivi, sono spesso finanziate in modo inadeguato e pertanto, i risultati sono poco visibili. Le attività di u n singolo Ente, quindi, hanno poco impatto sociale mentre politiche coordinate potranno consentire di ottenere migliori risultati. In questa ottica, pertanto, si rende necessario creare una rete online tramite una newsletter gestita dall’Ufficio della Consigliera di Parità. Tutti i Comuni sono invitati a prendere parte a questa iniziativa comunicando il nominativo di uno/a referente che manterrà i contatti in nome e per conto dell’Ente di appartenenza nonché i relativi contatti telefonici ed indirizzo mail. L’iniziativa, assolutamente gratuita, potrà fornire strumenti di azione per le Pubbliche Amministrazioni, soprattutto, perché l’informazione tenderà a favorire l’utilizzo dei finanziamenti pubblici in materia di politiche di genere e pari opportunità”.

Nella comunicazione la Siclari ha allegato anche un questionario attinente le politiche di genere che i Comuni dovranno compilare.
9 su 10 da parte di 34 recensori Politiche di genere, Crotone stimola i sindaci Politiche di genere, Crotone stimola i sindaci ultima modifica: 2012-03-07T19:27:56+00:00 da Mimmo Stirparo
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento