Il coraggio delle Forze dell’Ordine intervenute a Pontevigodarzere

“Vorrei ringraziare e fare i complimenti agli uomini della Stazione Carabinieri di Vigodarzere e a quelli del Nucleo Radiomobile di Padova che, nel corso della notte, hanno sventato una spaccata in una tabaccheria di Pontevigodarzere. E vorrei ringraziarli, non solo perché hanno svolto con grande professionalità il loro lavoro, già molto complesso e pericoloso, ma anche perché hanno avuto la forza e il coraggio di affrontare le gelide acque del Brenta per assicurare alla giustizia i malviventi, salvando loro la vita. Un doppio intervento che dimostra la preparazione e il grandissimo coraggio dei nostri Carabinieri.

Ciò che è avvenuto stanotte, però, pone l’accento sul fenomeno delle rapine e dei furti che sempre più spesso interessano le tabaccherie. Lo dico per conoscenza diretta del fenomeno, visto che la mia famiglia gestisce la tabaccheria vicina a quella colpita, ma anche guardando ai numeri nazionali. I dati della Federazione Italiana Tabaccai dicono, infatti, che le rapine alle tabaccherie sono in continuo aumento. Di fatto i tabaccai sono tra gli esercenti più colpiti dalla criminalità che li individua come bersagli piuttosto facili da attaccare: lavorano per lo Stato, con margini molto bassi, ma spesso dispongono di contanti e sono più difficili da proteggere. Per questo non posso che ribadire l’importanza di essere tutelati dalla Forze dell’ordine che conoscono le “attività” specifiche dei criminali e che ci riservano, per fortuna, un costante occhio di riguardo.

Ma un’altra riflessione mi pare importante: nel corso della notte sono stati arrestati più rumeni, tutti per atti violenti. La comunità rumena è la prima della provincia e una tra le più integrate. Per questo chiedo ai cittadini rumeni che vivono onestamente uno sforzo supplementare nel segnalare, nell’indicare e nell’opporsi ai soggetti pericolosi collaborando con le Forze dell’Ordine. La sicurezza di una comunità dipende dall’impegno di tutti e, in un progetto condiviso di integrazione, ognuno deve essere coinvolto, ad ogni livello. Non a caso è mia intenzione, come assessore provinciale all’Immigrazione, incontrare il Console rumeno in Italia per condividere un’iniziativa che combatta i criminali rumeni e che tuteli chi rispetta le regole”.

E’ quanto dichiara in una nota stampa Enrico Pavanetto, assessore provinciale all’Immigrazione di Padova.

Lascia un commento