Reggio Emilia discute della vertenza Sabar

I consiglieri provinciali reggiani del Pd Marcello Stecco e Elena Carletti hanno presentato una interpellanza sul futuro dell’azienda Sabar, in particolare chiedono di sapere quali siano le prospettive per la composizione societaria; in quali termini e con quali caratteristiche si delinea il ciclo provinciale dei rifiuti in riferimento all’impianto di Novellara ed agli altri impianti esistenti e se un impianto di compostaggio del verde può essere compreso nel futuro sviluppo industriale di Sabar.

Immediata la risposta dell’assessore all’ambiente Mirko Tutino:  “Con un risultato di raccolta  differenziata al 67% e con la realizzazione del TMB, così come previsto dal Piano d’Ambito, dopo il 2014 si ridurrà la necessità di discariche. Sarà invece necessario localizzare impianti per il trattamento ed il recupero dei materiali derivati dalla raccolta differenziata. In quest’ottica potrebbe essere studiato e riprogettato il futuro di Sabar e del Polo di Via Levata, per il quale l’azienda ha già depositato una richiesta per il trattamento della carta e della plastica raccolte sul territorio provinciale”.

Rispetto alla possibilità di prevedere un impianto di compostaggio nel futuro di Sabar l’assessore Tutino specifica che tra le aree individuate “distribuite in vari Comuni della provincia è stata individuata anche un’area di proprietà di Sabar adiacente alla discarica attualmente in funzione. Una volta acquisiti i risultati della valutazione comparativa sarà compito della Provincia e dei Comuni proporre la miglior ipotesi localizzativa. Si prevede di ottenere i risultati definivi dello studio entro la prima metà di novembre”.

“Per quel che riguarda la compagine societaria di Sabar – conclude l’assessore – dopo l’esito del referendum, che aveva cancellato l’obbligo di cessione di una parte delle quote societarie ai privati, il risultato della consultazione è stato stravolto da un decreto del Governo convertito in legge con la “manovra-bis. Sabar sta quindi esaminando l’incerto quadro normativo per trovare una soluzione”.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin