Acireale, i pescatori lanciano il kebab di pescespada

Il pesce spada innanzi tutto, anzi sopra tutto e in tutte le salse: è quanto propone l’edizione 2011 della “Festa del Pescatore” che venerdì 26 e sabato 27 sera animerà il borgo marinaro di Santa Maria La Scala ad Acireale in provincia di Catania. Lo stesso borgo in cui ha sede una tra le più importanti flotte pescherecce del Mediterraneo e che da decenni lega il proprio nome alle fresche e pulite acque del Mulino, alla macchia mediterranea della Timpa, alle locande che servono solo ed esclusivamente il pescato locale, e soprattutto alla “qualità” del pesce di marca “scalota”. Ingredienti “naturali” che hanno fatto di Santa Maria La Scala, la “Portofino di Sicilia”, location di numerose pellicole cinematografiche e, da pochi mesi a questa parte, persino set pubblicitario di importanti multinazionali francesi della cosmesi. Venerdì e sabato, grazie alla Festa del Pescatore, promossa dall’ “Associazione Pescatori e Giovani di Santa Maria La Scala”, la frazione marinara di Acireale si riproporrà però nella sua veste più antica e forse genuina: paese del pescato, del pesce spada, “cucinato” e servito in tutte le salse. Dalla salsiccia di pesce spada, al panino condito con “spado”, dalle succose linguine, alla novità 2011: il piccante kebab di pesce spada. Che verrà servito in piadina, condito con “cipollata” e salsa di caponata Una appetitosa innovazione per la quale si nutre già tanta golosa attesa. Venerdì 26 l’inaugurazione degli stand è fissata per le ore 20. Sabato gli stand rimarranno aperti a partire dalle ore 20 e solo per la serata del sabato gli organizzatori hanno messo a punto un servizio di bus navetta gratuito con capolinea nel parcheggio antistante il Santa Tecla Palace. “Per noi è la nona edizione di una festa che è la festa di una frazione che sia apre a turisti e visitatori, mostrando il meglio di sé…ma anche una innovativa pietanza di pesce spada, il kebab che al pari della salsiccia, crediamo possa avere futuro roseo” dice il socio fondatore dell’Associazione Pescatori e Giovani, Sebastiano Fichera. Plaudono alla Festa del Pescatore anche il sindaco Nino Garozzo e l’assessore al Mare Gaetano Leonardi: “L’ultimo week end di agosto è legato al mare e alla ormai tradizionale festa dei pescatori scaloti. Un modo per sottolineare le fatiche del lavoro di chi quotidianamente solca i mari ma anche un motivo per riscoprire uno tra i borghi marinari più suggestivi dell’intera isola” dicono all’unisono.