Roma, tra divertimento responsabile ed impegno attivo per gli studenti

L’onorevole Marco Siclari (nella foto insieme al Premier Silvio Berlusconi) ha superato bene i problemi di salute di questo ultimo periodo che l’hanno costretto al ricovero per ben due volte al Policlinico “Gemelli”. Il delegato capitolino ai Rapporti con gli Universitari, da noi raggiunto telefonicamente, ha confessato al cronista il fatto di “non poter sottrarre tempo, neanche se ammalato, alle esigenze dei cittadini. Ho lavorato anche da qui, dal letto dell’ospedale”. Siclari, caparbio come tutti i calabresi, ha ottenuto in queste ore due importanti successi: la festa del divertimento responsabile e la riduzione della tassa di soggiorno. “E’ stata approvata in Assemblea Capitolina, la delibera n. 39, a cui tenevo molto, con la quale sono state apportate delle modifiche al regolamento del contributo di soggiorno. Finalmente, dopo essermi adoperato più possibile per ridurre la tassa universitaria di soggiorno – dichiara l’esponente del PdL – e favorire quindi l’iscrizione dei fuori sede negli Atenei romani e il percorso di studi di moltissimi giovani universitari, oggi gli studenti fuori sede pagheranno tale contributo solo 5 giorni contro i 365 giorni previsti. Questo sarà possibile per loro, semplicemente dimostrando di seguire un Corso di Studi in una delle Università Romane. Gli studenti fuori sede iscritti agli Atenei di Roma, sono circa 100.000, è importante dunque considerare ed andare incontro alle loro esigenze. Il Comune di Roma lavora per consentire agli studenti fuori sede di usufruire di una serie di servizi finalizzati al risparmio economico, aiutando così i nostri Atenei ad avere un maggiore numero di iscrizioni l’anno, e rendendo Roma unica sede e Capitale degli Universitari, meta più ambita per tutti coloro che la scelgono per intraprendere un percorso di studi”.

E sul fronte del Divertimento Responsabile un grande successo il quinto appuntamento targato McDonald al Central Park di cui vi proponiamo in esclusiva due scatti fotografici.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin