Reggio Calabria, i precari protestano sul tetto del palazzo della Regione

Sette lavoratori precari Lsu-Lpu, tra cui una donna e un dirigente del sindacato Usb, sono saliti a ReggioCalabria sul tetto della sede del Consiglio regionale della Calabria. I lavoratori chiedono l’apertura di un ”tavolo tecnico” tra la Regione Calabria e il Governo nazionale per giungere alla stabilizzazione dei 5.400 lavoratori precari calabresi e, in mancanza di impegni concreti si dicono indisponibili a interrompere la loro protesta. ”Dopo l’occupazione della sala del Consiglio regionale del dicembre scorso – afferma Aurelio Monte, una delle persone salite sul tetto dell’edificio – niente e’ stato fatto. A tutt’oggi il tavolo tecnico che ci era stato promesso non e’ stato mai avviato. Siamo stanchi di essere presi in giro”.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin