Venezia, aiuti per finanziare i piani delle acque

“Dobbiamo trasformare la cultura dell’emergenza in cultura della prevenzione e della sicurezza idraulica, cogliendo l’occasione per volgere gli attuali fattori di rischio in opportunità di sviluppo, di lavoro e di riqualificazione ambientale. Lo strumento per agire in questa direzione è il “Piano comunale delle Acque” e la scelta forte della Provincia di Venezia è stata di prevederlo nel proprio Piano Territoriale di Coordinamento”. Così il Presidente della provincia di Venezia, Francesca Zaccariotto, risponde al Comitato di cittadini allagati del territorio veneziano che hanno subìto nei giorni scorsi anche la tracimazione della rete fognaria e che hanno chiesto alla Provincia cosa stia facendo per risolvere i problemi degli allagamenti. “Il “Piano comunale delle Acque” – continua Zaccariotto – è uno strumento di programmazione e gestione della problematiche idrauliche, con particolare riferimento alla rete di smaltimento delle acque meteoriche a livello comunale. Uno strumento che monitorato e costantemente aggiornato permette di individuare criticità idrauliche e le loro potenziali soluzioni, dando un ordine di priorità agli interventi. Da una nostra indagine presentata al convegno che abbiamo tenuto lo scorso dicembre a Mestre è emerso che, sui 44 Comuni della provincia, circa un quarto ha adottato il Piano delle Acque e una quindicina sono quelli che si sono attivati per realizzarlo o per affidare l’incarico di redazione. La Provincia ha colto l’urgenza del problema attivandosi per sostenere i comuni che stanno predisponendo i piani delle Acque con supporti tecnici e risorse economiche e finanziarie. I cofinanziamenti e la realizzazione degli interventi individuati arriverà dalla destinazione delle risorse corrispondenti al 10% dei canoni del demanio idrico che la Regione trasferisce alle Province per interventi idraulici, oltre che per la viabilità provinciale. Questo è quanto stiamo facendo nel concreto dall’inizio della nostra amministrazione”.

Patrizia Salvaterra

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin