Vibo Valentia, la Santa Setta si presenta

Si torna a parlare di ‘ndrangheta per studiarne gli elementi caratterizzanti, gli strumenti utilizzati per il radicamento  al fine di poter trovare  mezzi per il controllo e per la completa soppressione dal tessuto sociale. L’appuntamento questa volta è presso l’Auditorium Scuola Allievi Agenti Polizia di Stato di Vibo Valentia  il 14 giugno alle ore 16:00. L’occasione viene offerta dal nuovo libro La “Santa Setta” – il potere della ‘ndrangheta sugli affiliati e il consenso sociale sul territorio, appena  stampato dalla casa editrice Laruffa Editore e scritto dalla giovane Rosalia  Staropoli, Responsabile del Consiglio Direttivo di Presidenza del Movimento Antimafia “Ammazzateci Tutti” nonché fondatrice del sito “Mafia Crimes”. L’incontro è organizzato dal Sindacato Autonomo di Polizia di Vibo Valentia, l’International Police Association Calabria, dal Movimento Antimafia Ammazzateci Tutti e da Libera Vibo Valentia. Introdurranno Giuseppe Gaccione, Segretario Provinciale del Sap Vibo Valentia, il Questore di Vibo Valentia Giuseppe Cucchiara ed il Prefetto di Vibo Valentia Maria Luisa Latella. Sono previsti gli interventi di Rodolfo Ruperti, Capo della Squadra Mobile di Catanzaro, Aldo Pecora, Presidente del Movimento Antimafia Ammazzateci Tutti, Antony J. Pinizzotto Criminal Profiler già Senior Scientist Unità Scienze Comportamentali Fbi Quantico, Washington, Fabio Iacono Manno. Responsabile International Police Association Ipa Calabria e chiaramente l’autrice del libro Rosalia Staropoli. Giovanni Falcone diceva: “entrare nella mafia equivale a convertirsi a una religione. Mafia e religione hanno la stessa dimensione totalizzante”. L’argomento è estremamente intricante e di estrema attualità proprio in considerazione delle recenti vicende che ancora una volta hanno visto l’uso della religione e dei suoi simboli da parte degli aderenti alle consorterie mafiose e ‘ndranghetiste.

Giovanna Fronte

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin