Studenti milanesi in visita al lager di Bolzano

Milano MemoriaRagazzi di Milano in visita al lager di Bolzano, dove l’orrore della deportazione nazista prese forma e struttura sul territorio italiano. Vedranno il castello austriaco di Hartheim, in cui venivano sterminate le persone con disabilità, il memoriale di Gusen e Mauthausen, che per eccellenza fu il campo di destinazione dei deportati politici, il luogo dove venivano uccise le idee insieme alle persone. Una quarantina di studenti delle scuole superiori milanesi affrontano un viaggio che cambierà per sempre il loro modo di comprendere la storia e di vivere la memoria.

“Da Milano a Mauthausen, 9 Municipi per la memoria” è l’iniziativa, nata per volontà del Comune di Milano in collaborazione con i Municipi, Aned e Anpi, per consentire a giovani alunni delle scuole superiori cittadine di visitare i luoghi che hanno segnato la storia contemporanea, proprio nei giorni in cui si svolgono le cerimonie internazionali di commemorazione della liberazione dei lager.

Ad accompagnare i ragazzi, insieme agli insegnanti e ai rappresentanti di Aned e Anpi, ci sarà anche il Gonfalone del Comune.

Il programma del viaggio prevede quattro tappe. La prima sarà in Italia al campo di via Resia a Bolzano, utilizzato soprattutto come centro di smistamento dei deportati italiani verso gli altri lager. Le altre tre tappe saranno in territorio austriaco: il castello di Hartheim, il campo di Gusen, nelle cui cave di pietra erano costretti a lavorare gli internati, e il grande lager di Mauthausen, dove domenica si svolgerà la cerimonia internazionale celebrativa del 72esimo anniversario della Liberazione dal nazifascismo. Presso il Monumento degli Italiani si terrà un’ulteriore cerimonia per ricordare le vittime italiane alla presenza dell’Ambasciatore italiano in Austria.

9 su 10 da parte di 34 recensori Studenti milanesi in visita al lager di Bolzano Studenti milanesi in visita al lager di Bolzano ultima modifica: 2017-05-06T02:41:17+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook1Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento