Premio Eurointerim per le donne che vogliono fare impresa

premioeurointerimIl momento economico fino a ora non è stato certo dei più favorevoli, soprattutto per le donne. A dispetto della campagna pro nascite del Ministero della Sanità, sono le donne le più penalizzate nel mondo del lavoro. Sovente non si riesce a conciliare una maternità con la carriera e si deve quindi essere costrette a rinunciare all’una o all’altra cosa.

 

Una cosa non facile, soprattutto quando si sono spesi anni e anni sui libri per ottenere un posto di lavoro congruo ma al contempo si abbia desiderio di avere una famiglia e di avere dei figli. Ma in Italia si è ben capito che le due cose troppo spesso non sono compatibili, e che ci si ritrova ancora a dover lottare per una parità che non è tale nemmeno in busta paga, per chi ha la fortuna di avere un lavoro. Ma laddove non arriva lo Stato, fortunatamente, qualche privato pensa bene di investire. Questo è il caso dell’Agenzia per il Lavoro Eurointerim S.p.A. che per il sesto anno mette a disposizione dei fondi per le buone idee proprio delle donne.

 

Non sarà certo un prestito d’onore, ma il piccolo premio è pur sempre un inizio per chi vuole fare impresa (dettagli su http://www.zonaprestiti.com/prestito-onore.htm). Il concorso, dal titolo Donna e Lavoro Start-up, infatti, premia le migliori idee, quelle più originali e quelle più innovative delle donne che hanno già un’impresa o che vogliano costituirne una. Non si tratta appunto di cifre esorbitanti, si parte dai 1000 euro per il terzo classificato, fino ai 1.500 per il secondo posto e 2.000 euro per il primo classificato. Per cui più che parlare di un vero e proprio aiuto, si può considerarlo una sorta di incentivo, che anche per un discorso di immagine, può assumere un valore ancora più importante.

 

Chiaramente non si avvia un’attività con questo denaro, ma si può per lo meno cominciare a progettare. Una goccia nel mare, probabilmente, ma che a qualche imprenditrice può tornare comoda. Lo scopo del concorso è proprio quello di sostenere le nuove idee e il loro successivo sviluppo. Il concorso è aperto a entrambi i sessi e senza limiti di età, tutti i dettagli sul sito ufficiale. Naturalmente poi, per chi voglia andare oltre e ampliare il proprio business dovrà consultare delle possibilità di finanziamento adatte alle proprie esigenze e, se possibile, agevolati in virtù dello scopo di fare impresa, come i fondi europei, molto spesso erogati tramite la partecipazione della propria Regione, che anche se non sono finanziamenti a tasso zero, rientrano in condizioni sicuramente agevolate.

 

Condividi su:Share on Facebook4Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone