Porte blindate a Roma, una breve guida

La presenza di una porta blindata, specie in una città ad alto tasso di criminalità come Roma, è divenuta un’esigenza di fondamentale importanza per chiunque senta la necessità di difendere la propria abitazione, sia essa un indipendente oppure un appartamento all’interno di un condominio.Dati statistici dimostrano che la maggior parte dei ladri fa il proprio ingresso in casa tentando di forzare la porta blindata (circa il 75%), solo il restante 25% tramite altri escamotage (tetti, finestre, infissi, etc.). Avere una porta blindata forte e sicura mette al riparo dai furti facili ed è il principale motivo che spinge i ladri a desistere dall’effrazione e a passare ad un’altra malcapitata vittima. Una porta blindata e delle buone abitudini in termini di sicurezza sono la principale garanzia contro furti in casa (o negli uffici).

Porte blindate Roma

Una porta blindata quindi non è solo un semplice punto di ingresso all’interno di un’abitazione, un ufficio o un negozio, ma rappresenta anche una sorta di “difesa passiva” di unostabile, una sicurezza in più che fa sempre comodo avere. Rispetto ad una porta “normale” comporta sicuramente un investimento maggiore, ma che si ripaga nel lungo termine proteggendo l’edificio da eventuali tentativi di furto o scasso. D’altronde, se lasciassimo invece entrare i ladri in casa, il costo complessivo della nostra “spesa” sarebbe molto più elevato.

Non tutte le porte blindate sono uguali tra loro, ogni porta può essere ricondotta, sulla base di sei categorie prestabilite, definite “classi di sicurezza”, in base ai materiali e ai metodi con cui sono state realizzate. Per stabilire a quale classe di sicurezza appartiene una porta blindata, vengono effettuati tre test, simulando tentativi di effrazione tramite appositi macchinari. Le tre verifiche effettuate sono: resistenza al carico statico, resistenza al carico dinamico e resistenza all’attacco manuale. In base ai diversi risultati viene assegnata alla porta una categoria, che va da 1 per le meno resistenti a 6 per le porte di banche e basi nucleari. In generale per proteggere un’abitazione la classe minima è 2, adatta a condomini con portiere o con ben poco da rubare. Per villette e appartamenti signorili, l’ideale sarebbe scegliere una porta di classe 3 se non 4. Ovviamente tali valutazioni sono generiche, poiché in ogni caso è necessaria una valutazione di tutte le variabili che entrano in gioco quando si considera la probabilità di un edificio di subire un furto, come la zona il piano di un eventuale palazzo, la resistenza di altri punti di accesso, per esempio garage e finestre…

Per poter essere realmente efficace, una porta blindata va istallata correttamente. Se la porta è resistente ma il muro è fragile, il suo acquisto sarà stato inutile. Bisogna fissare la porta al muro, fondendola con esso ed eventualmente rinforzandone le pareti nelle are intorno alla porta blindata.Per assicurare la massima tenuta della porta al muro, bisogna fare in modo che il telaio della porta venga fissata alle pareti dall’interno, a circa una decina di cm di profondità, tramite ganci (chiamati zanche) incassati al muro e fissati col cemento a presa rapida. Per rinforzare il muro stesso una soluzione è quella di applicare intorno alla porta una rete metallica elettrosaldata e poi ricoprirla con l’intonaco. Un’alternativa per rinforzare il muro dall’interno è quella di iniettare nella parete una miscela di cementi vari, meno efficace ma sicuramente più conveniente in termini di tempo e costi. In ogni caso, per mettere in pratica un progetto del genere però è bene affidarsi a professionisti esperti in vendita ed installazione di porte blindate e non a semplici muratori a giornata.

Oggi le porte blindate sono considerate non più solo un elemento per mettere in sicurezza la propria casa, ma anche un elemento di arredo e di design, con caratteristiche che vanno ben oltre il semplice aspetto estetico.  All’eleganza e alla resistenza si aggiungono: isolamento termico, forte resistenza alle intemperie e agli effetti dei quattro elementi (acqua, fuoco, terremoti e vento), insonorizzazione acustica, isolamento termico e molto altro ancora.

9 su 10 da parte di 34 recensori Porte blindate a Roma, una breve guida Porte blindate a Roma, una breve guida ultima modifica: 2016-09-05T14:38:02+00:00 da Xonex it
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1Email this to someone

Lascia un commento