Modena, romeno cercava di vendere iphone contraffatto: condannato

Giudicato colpevole il romeno sorpreso dalla Polizia municipale nel 2013 con lo smartphone. In caso di vendita, rischio denuncia anche per gli acquirenti.

Cercava di vendere smartphone apparentemente di ultima generazione, come l’IPhone 4, ma in realtà contraffatti, nell’atrio della stazione autocorriere di Modena nell’ottobre del 2013 ed era stato sorpreso dalla Polizia municipale grazie al sistema di videosorveglianza. Nei giorni scorsi il romeno, allora 18 enne (C.M. le iniziali), è stato condannato a un anno e 4 mesi di reclusione per la vendita di merce contraffatta, poi sequestrata, e per ricettazione. Gli è stata inflitta anche una sanzione pecuniaria di 450 euro che si va a sommare alla sanzione amministrativa di oltre 5 mila euro già comminata dalla Polizia municipale nel 2013.

Il giovane, che all’epoca risultava già noto alle forze dell’ordine, è stato condannato in contumacia. All’epoca dichiarò di essere provvisoriamente alloggiato presso un campo nomadi di Milano.

Il telefono sequestrato era all’apparenza simile a un IPhone ma gli accertamenti svolti dal personale di Polizia municipale appositamente formato nell’ambito del progetto “Modena, insieme contro la contraffazione” hanno consentito di appurare che si trattava da un apparecchio contraffatto. Qualora fosse stato acquistato, anche l’acquirente avrebbe rischiato denuncia e sanzione pecuniaria. Mentre l’utilizzo dell’apparecchio, per il quale non sono state rispettate le norme di sicurezza sull’emissione delle onde elettromagnetiche, avrebbe potuto comportare rischi per la salute. Il progetto “Modena, insieme contro la contraffazione” è sviluppato dal Comune (Polizia municipale e servizio Politiche delle sicurezze), insieme a Prefettura, Camera di Commercio e Azienda Us, in collaborazione con le associazioni dei consumatori, anche grazie a un finanziamento dell’Anci (www.comune.modena.it/politichedellesicurezze).

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone