Milano, foto erotiche di ragazzine dai 14 ai 16 anni arrestato infomatico trentenne

filma rapporti con ragazzineLa vicenda è emersa nel luglio 2015. Una quattordicenne ha riferito ai genitori di essere stata minacciata dalla persona conosciuta in rete. Quando lei ha deciso di interrompere i contatti, infatti, l’uomo le ha detto che avrebbe diffuso le foto erotiche che lei gli aveva inviato. Indagini sui canali social dell’uomo hanno permesso di individuare altre vittime, tutte adescate con le medesime modalità. Le ragazzine venivano contattate su chat popolari usando il falso profilo di un adolescente. Così otteneva la loro fiducia, creava un rapporto sempre più intimo fino a convincerle a inviare foto o video erotiche, infine le minacciava di ritorsioni se si fossero fermate.

In base alle indagini sarebbe risultato che in due casi è riuscito a incontrare le vittime quattordicenni dopo aver svelato la propria età. In uno di questi ha registrato atti sessuali nel proprio appartamento utilizzando una telecamera nascosta in un armadio. Gli investigatori lo hanno definito “seriale, organizzato e spregiudicato”.

L’uomo è stato arrestato dalla Squadra mobile di Milano per aver adescato ragazzine dai 14 ai 16 anni e averle convinte a farsi mandare foto erotiche. Sottoposto a fermo un informatico di 36 anni, originario del Pavese ma trasferitosi nel Monzese.

I casi accertati sono 6 ma nell’ordinanza firmata dal Gip se ne ipotizzano almeno una ventina e per questo sono in corso approfondimenti. I reati sono adescamento di minori, detenzione e produzione di materiale pedopornografico, violenza privata e sostituzione di persona. Quest’ultima accusa fa riferimento alla consuetudine di adescare le vittime utilizzando profili falsi sui diversi social con cui si spacciava per coetaneo delle ragazzine.

 

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano, foto erotiche di ragazzine dai 14 ai 16 anni arrestato infomatico trentenne Milano, foto erotiche di ragazzine dai 14 ai 16 anni arrestato infomatico trentenne ultima modifica: 2016-04-30T11:04:55+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1Email this to someone

Lascia un commento