Brindisi, caporalato gestito da una famiglia due arresti e un obbligo di dimora

E’ stata documentata la sottoposizione dei braccianti a condizioni di lavoro degradanti a fronte di retribuzioni sproporzionate rispetto alla quantità e alla qualità del lavoro effettivamente prestato.

Dalle indagini sono emerse le responsabilità degli indagati dediti al reclutamento e alla gestione di manodopera agricola, sfruttata mediante minacce e intimidazioni, approfittando dello stato di bisogno e di necessità dei lavoratori.
Sono stati arrestati madre e figlio in quanto ritenuti responsabili di concorso in intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro pluriaggravati ovvero “caporalato”. Denunciata una terza persona con obbligo di dimora. Le ordinanze cautelari sono state emesse dal gip del tribunale di Brindisi su richiesta della procura.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone