Caserta, cocaina in caserma fermati 4 bersaglieri

droga.jpgGiro di cocaina all’interno della caserma dell’VIII Reggimento bersaglieri di Caserta. Arrestati quattro militari dell’Esercito della Brigata Garibaldi. Un militare è stato rinchiuso in carcere, per altri due disposti i domiciliari e per un quarto il divieto di dimora nella provincia di Caserta. I reati contestati sono falsità materiale, corruzione, detenzione e spaccio.

L’indagine è andata avanti tra febbraio 2014 e marzo 2015 anche grazie a intercettazioni telefoniche e servizi di osservazione e pedinamento. Secondo gli inquirenti è stato così possibile accertare la disponibilità di “ingenti quantitativi di cocaina” che venivano cedute o vendute all’interno della caserma, da parte del maggiore ad altri commilitoni. Uno spaccio reso possibile, per l’ipotesi accusatoria, anche grazie alla collaborazione della compagna del militare, in ferma provvisoria per quattro anni.

Svelata non solo la rete di approvvigionamento della cocaina, comprata a Maddaloni e Caivano, ma fatta anche luce su “un sistema di diffusa corruzione”, all’interno della struttura militare, grazie al quale “il caporal maggiore riusciva a ottenere l’alterazione dei risultati dei drug test disposti dal Comando nei confronti dei militari sospettati di fare uso di sostanze stupefacenti”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Caserta, cocaina in caserma fermati 4 bersaglieri Caserta, cocaina in caserma fermati 4 bersaglieri ultima modifica: 2016-04-04T14:28:51+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook1Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1Email this to someone