Un volume sul pittore, poeta e scrittore Domenico Russo di Nicotera

Domenico Russo in una foto del 1900Un volume, un “libro per immagini”, un vero e proprio catalogo d’arte, interamente a colori, per ricordare un grande artista di Nicotera: Domenico Russo, pittore, scrittore, commediografo, architetto, poeta e fotografo. Un lavoro storico, una ricerca iconografica e biografica curata da Michele Rascaglia e Pino Leone, che intente far parlare direttamente le opere del Russo che si descrivono, si aprono in una fruizione continua, in una vera comunicazione con il lettore. Le tante opere illustrate nel volume sono state riprodotte da originali presenti in vari musei e pinacoteche, chiese e cappelle, in particolare di Napoli e Nicotera, ma la sorpresa più grande è quella delle tante opere inedite ritrovate in collezioni private a Nicotera, in Calabria, in Puglia e in altre parti Italia. Domenico Russo, nato a Nicotera il 2 luglio del 1831, è stato un illustre pittore e ritrattista dell’800. Ancora ragazzino, nel 1845, Domenico Russo ha modo di conoscere l’affermato pittore di Tropea Vincenzo Basile che si trovava a Nicotera “per dipingere sul cadavere il ritratto del signor Diego Spina”. “Tornato a casa, narra il figlio Vincenzo, si provvide di colori che stemperò in olio d’ulivo, fece i pennelli coi peli strappati alla coda di un asino, la tavolozza col fondo di una bigoncia e dipinse, su un vecchio quadro annerito, un ritratto di un servo di famiglia”. L’opera, la prima vera opera di Domenico Russo, fece così grande rumore per la perfetta somiglianza, ci fu un vero e proprio pellegrinaggio popolare per poter vedere l’opera, ed il dipinto fu anche portato in processione al cospetto del vescovo del tempo, mons. Michelangelo Franchini. Domenico aveva soltanto quattordici anni e sapeva appena leggere e scrivere. Da quel momento Russo non abbandonerà più i colori, le tele ed il pennello. Tre anni dopo, nel 1848, viene mandato a studiare all’Accademia di Belle Arti di Napoli con un crescendo continuo di successi, primi premi vinti, tanta fama, la stima e la bravura del giovane studente di Nicotera salgono alle stelle, il Morelli, suo maestro lo vuole accanto a se nel suo salotto culturale frequentato dalla Napoli artistica più importante. Qualche anno dopo Domenico Russo ritorna a Nicotera, dove, nel 1858, si sposa con Francesca Gargano da cui ebbe quattro figli. A Nicotera il Russo aprì successivamente uno studio fotografico ed una scuola di disegno e pittura molto frequentata. Poi, a parlare sono le sue tante opere, le sue tele, i suoi colori, la luce della sua terra natale di cui ne amò il paesaggio incantevole, i silenzi, le chiese sparse, alle quali diede lustro con i suoi affreschi. Domenico Russo morì a Nicotera nel 1907 ma rimase vivo il ricordo nell’immaginario collettivo della sua raffinata pittura e dei valori artistici e spirituali che seppe esprimere, era per tutti “il ritrattista che riusciva a oltrepassare il viso e l’espressione del soggetto e dipingere l’anima, il sentimento, il dentro”. Il volume di Michele Rascaglia e Pino Leone, con una introduzione di Pasquale Barbalace, vuole essere una testimonianza all’opera del “sommo pittore, Nicoterese autentico di stampo antico, dotato di grande civismo e di una vocazione intimamente profonda per la libertà”. Un volume di grande formato dedicato alla memoria del Professor Ernesto Gligora, quasi cento pagine interamente illustrate a colori che tracciano un vero itinerario artistico, un percorso di disegni e dipinti per far conoscere ancora meglio un grande artista calabrese.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1Email this to someone