Matera inCarta Dante

Venerdì 29 gennaio alle ore 18,30 nell’ex Ospedale di San Rocco si terrà l’evento “Matera inCarta Dante”, ovvero la rappresentazione dell’ arte della cartapesta di Matera per la prima volta nella Divina Commedia, promosso dal Comitato Promotore Club UNESCO Matera con il Comitato di Matera della Società Dante Alighieri e con il Circolo La Scaletta.

Saranno presentate al pubblico le statue di Caronte, Dante e Beatrice realizzate dal Maestro Andrea Sansone e dai collaboratori della Fabbrica del Carro 2015, coinvolti nella lettura della Divina Commedia il 2, 3 e 4 ottobre scorsi e nell’ intero progetto di “Matera inCanta Dante” che, sostenuto dal Comune di Matera e dalla Regione Basilicata, ha cercato di valorizzare Dante Alighieri come veicolo di conoscenza di una delle eccellenze artigianali della città. Questa occasione ha l’ambizione di costituire un passo importante sulla strada percorsa dai maestri cartapestai della nostra città e creare una sinergia, a partire da questo evento e con la collaborazione della Camera di Commercio di Matera, tra le scuole e le botteghe della cartapesta di Matera per costruire una prospettiva comune che amplifichi il rumore di tale arte, come richiamo di interesse artistico e turistico sulla città ma soprattutto di sviluppo di questo settore. Sottolineando che anche lo sviluppo di attività artigianali costituisce un motivo – sostenuto dall’UNESCO- di costruzione di armonia e pace in una comunità cittadina.

Del resto Matera InCanta Dante ha suscitato a vari livelli l‘ attenzione nazionale e internazionale e , in questa occasione, verrà presentato il Parco letterario “Le Terre di Dante” di Ravenna come nuovo interlocutore di prospettive comuni . Sono attesi da Ravenna il prof. Giuseppe Chicchi, già sindaco di Rimini e Parlamentare, e Attilio Moroni, responsabile marketing del Parco letterario ; e già i Presidenti dei tre sodalizi , Stefania De Toma, Ivan Focaccia e Pino Suriano, si sono detti onorati e stimolati dal desiderio di condivisione proveniente dalla città dove riposano le spoglie del Sommo Poeta .

Nella serata verrà poi presentata una applicazione con la quale il Sommo Poeta incontra la didattica e l’innovazione: Francesco “Piersoft” Paolicelli illustrerà il suo bot per Telegram “DivinaCommediaBot”, validissimo strumento innovativo al servizio della cultura classica di cui proprio Pino Suriano, Presidente del Comitato di Matera della Società Dante Alighieri, illustrerà, in quanto docente di lettere coinvolto nel progetto, le potenziali implicazioni didattiche.

Per l’occasione Franco Palmieri, regista di “Matera inCanta Dante” con Antonio Montemurro, tornerà a Matera per incontrare nuovamente , dopo le settimane di prove e l’“inCanto” di quei primi giorni di ottobre, quanti tra i Cantori avranno la possibilità di partecipare; e brindare insieme alla riuscita di un’impresa che ha creato nella città di Matera un legame di comunità prezioso e contagioso.

L‘aspettativa per la presentazione delle tre statue – cui verranno date le voci da Cantori grandi e piccoli di Matera InCanta Dante- è molto alta e il Maestro Sansone ha preannunciato effetti innovativi e altamente suggestivi utilizzati per la costruzione delle statue, sulla scia della esperienza maturata in tre anni di realizzazione del Carro della Madonna della Bruna. Oltre ai sostegni pubblici già citati,cui va aggiunta la collaborazione della Fondazione Matera 2019, una menzione speciale va data alla Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio che continua, attraverso la disponibilità straordinaria dell’architetto Biagio Lafratta, a far sentire la chiesa del Cristo Flagellato e gli ambienti dell’Ex Ospedale di San Rocco come il cuore di questa vicenda di comunità sia ai Cantori che a quanti vogliano costruire futuro e crescita autentica dal ventre di quel Capitale di Cultura che è Matera, con la sua storia, la sua gente, la sua bellezza unica al mondo.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone