Bologna, autista dello scuolabus aggredito dal conducente di un’automobile

Il Comune di Bologna sporgerà denuncia contro ignoti in seguito a quanto accaduto allo scuolabus che serve le scuole Cremonini-Ongaro (primaria), Bacchi e Gabelli (infanzia comunali), al Quartiere Santo Stefano.

Questa mattina lo scuolabus, durante il terzo e ultimo giro per trasportare gli alunni dalla città fino alle scuole di via Bellombra, mentre scendeva vuoto dalla collina, in via San Mamolo angolo via Codivilla Putti, è stato coinvolto in un incidente stradale con un’automobile. Sceso per constatare i danni, l’autista dello scuolabus è stato aggredito dal conducente dell’automobile. Dopo la colluttazione l’autista è risalito sul bus ed è ripartito per concludere il giro, intenzionato a sporgere denuncia per quanto accaduto.

marilena pillati

Durante la risalita alla scuola, nel medesimo punto dell’incidente, l’automobilista coinvolto, munito di una catena metallica con appesa una sfera di ferro, si è scagliato contro lo scuolabus, che in quel momento trasportava 23 bambini (di cui 4 diretti alle scuole d’infanzia), provocando danni al parabrezza. Una vota arrivati alle scuole e fatti scendere gli alunni, l’autista e l’educatrice in servizio sono rimasti nel piazzale antistante i plessi scolastici fino all’arrivo dei Carabinieri.

Le referenti dei servizi educativi e scolastici del quartiere Santo Stefano hanno avvisato dell’accaduto tutti i genitori, che oggi pomeriggio hanno potuto accedere alla scuola con i propri mezzi, per andare a prendere i figli.

“Quanto accaduto è un atto di violenza incomprensibile, reso ancora più grave dall’avere coinvolto anche bambine e bambini, alcuni molto piccoli”, ha commentato l’assessore alla Scuola, Marilena Pillati.

9 su 10 da parte di 34 recensori Bologna, autista dello scuolabus aggredito dal conducente di un’automobile Bologna, autista dello scuolabus aggredito dal conducente di un’automobile ultima modifica: 2016-01-25T18:35:02+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento