Napoli, a Capodanno pensiamo agli animali

Lettera del Garante Animali e del Vice Sindaco. Immaginate di essere nel vostro letto, state dormendo e le persiane sono chiuse. D’improvviso la finestra di spalanca o viene spaccata da un boato. Un rumore fortissimo colpisce le vostre orecchie duramente e non sentite più niente. Non vedete neppure, e non capite che cosa c’è intorno a voi, avete solo voglia di scappare. Tentate di farlo, ma avendo perso l’orientamento sbattete contro porte, muri, inciampate nel tappeto, nelle scale, cadete. Ecco. Questo è quanto accade agli animali mentre voi vi divertite con i botti, legali o illegali. Quelli che riescono a scappare – uccelli, gatti, cani o altri animali di città – possono essere investiti dalle auto o finire in zone diverse dalla quella dove vivono di solito e correre altri mille pericoli. Gli animali di casa soffrono quanto quelli liberi o randagi. In certi casi, muoiono. I volatili, perso l’udito, perdono anche la capacità di orientarsi. I selvatici possono morire d’infarto. Il vostro piacere di pochi minuti, rovina per sempre la nostra fauna. Immaginatevi al posto loro. Pensateci, a questo prezzo non è più festa.

Il Vice Sindaco
Raffaele Del Giudice

Il Garante degli Animali
Stella Cervasio.

9 su 10 da parte di 34 recensori Napoli, a Capodanno pensiamo agli animali Napoli, a Capodanno pensiamo agli animali ultima modifica: 2015-12-28T02:18:12+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento