Quartu Sant’Elena. Benito Lai uccide Anna Lisa Ravenna poi si toglie la vita

Dramma familiare a Quartu Sant’Elena alle porte di Cagliari. Il dramma si è consumato in via Canepa. Benito Lai, 87 anni, ha ucciso la consorte Annalisa Ravenna, 82 anni, poi si è tolto la vita. L’anziano ha sparato alla moglie, poi ha rivolto l’arma contro se stesso. Terribile femminicidio con successivo suicidio.

Anna Lisa RavennaLa governante non riusciva ad entrare in casa Lai, quindi ha avvisato il figlio della coppia. I due erano senza vita a bordo dell’auto parcheggiata nel vialetto del villino a due piani. I finestrini della vettura erano chiusi e accanto il cane abbaiava.

Benito Lai e la moglie Annalisa Ravenna hanno lasciato un messaggio di addio con le ultime volontà. Lo hanno poggiato in casa, poi sono saliti sulla propria auto, una Ford Focus parcheggiata nel vialetto davanti all’ingresso, per mettere fine alla loro esistenza. L’uomo ha ucciso la consorte con un colpo di pistola, ha quindi puntato l’arma contro se stesso suicidandosi. La coppia era molto legata: lasciano tre figli.

I due avevano vissuto per molti anni a Cagliari, per poi trasferirsi negli ultimi dieci nel villino di via Canepa, a Quartu Sant’Elena. Benito era un ex imprenditore nel settore dell’alimentazione, Annalisa invece aveva lavorato come impiegata pubblica. Sul posto il magistrato della Procura di Cagliari, Rossella Spano, il medico legale, Roberto Demontis, gli esperti della scientifica, la Squadra mobile del capoluogo e gli agenti del Commissariato di Quartu. Tutti impegnati a ricostruire nei dettagli la tragedia. L’autopsia che sarà eseguita domani, mercoledì 10.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin