La Regione Lombardia impegnata contro la ludopatia

La Giunta della Regione Lombardia, su proposta dell’assessore per le Politiche sociali, abitative e Disabilità, Stefano Bolognini, ha stanziato 719.000 euro per la lotta alla ludopatia. In particolare, le Ats dovranno ripartire questi fondi agli Ambiti territoriali di Associazioni di Comuni, per la prevenzione e il contrasto al gioco d’azzardo patologico, inserendo le azioni in un quadro di programmazione che estenda e diffonda le buone prassi e rafforzi i percorsi di sostegno a persone e famiglie.

“Lo scopo dell’iniziativa – ha spiegato Bolognini – è quello di realizzare un modello organizzativo, gestionale e di governance che coordini sul territorio gli interventi e le azioni attivate dai Comuni, in un sistema organico di Ambito territoriale. Le Ats e i capofila dell’Ambito assumeranno la governance e favoriranno anche l’integrazione delle attività sanitarie e sociosanitarie con quelle a carattere sociale di competenza dei Comuni”. Il modello sarà sperimentato in 8 Ambiti, selezionati dalle 8 Ats lombarde, anche sulla base della capacità di costituire reti integrate di collaborazione tra pubblico e privato (Comuni, scuole, terzo settore, mutuo aiuto ecc.) che, attraverso una manifestazione di interesse, si candideranno per gestire le iniziative.

“Inoltre – ha aggiunto Bolognini – verrà creata una mappa in cui vedere in modo coordinato e integrato l’offerta destinata, in quel territorio, alla prevenzione e al contrasto. Un modello che può essere sperimentato anche coinvolgendo più ambiti territoriali, così da incrementare le azioni e la popolazione che ne beneficiano. Il modello, al termine di questa fase sperimentale, potrà essere estesa all’intero territorio lombardo”. La delibera s’inserisce nel contesto attuativo della l.r. 8/2013 di prevenzione e contrasto al gioco d’azzardo patologico, per la quale Regione Lombardia ha messo a disposizione risorse importanti che hanno già consentito di realizzare molteplici iniziative d’informazione, orientamento e formazione. “Ricordo esempio – ha concluso Bolognini – la convenzione da 1.281.000 euro (prorogata lunedì scorso) con l’Ufficio scolastico regionale (Usr) per la formazione di docenti, studenti e famiglie, che ha già formato 900 docenti. Anche i Piani locali per la prevenzione del gioco d’azzardo patologico, che saranno realizzati dalle Ats grazie agli 8,5 milioni di euro stanziati dalla Regione nell’ottobre scorso, e le azioni realizzate con le risorse del bando rivolto agli Enti locali (2 milioni) che nel 2018 hanno consentito di sostenere oltre 90 progetti, di contrasto, sensibilizzazione e formazione diffusa”.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin