Milano. Riavviati gli impianti di riscaldamento di case, uffici e negozi

Da ieri si sono riavviati gli impianti di riscaldamento di case, uffici e negozi. Sarà possibile tenere accesi i caloriferi fino a 14 ore al giorno. L’Amministrazione comunale ha però deciso che, fino a che le temperature resteranno miti, i riscaldamenti non saranno accesi negli edifici pubblici, fatta eccezione per Nidi, Scuole dell’Infanzia, Residenze per anziani e Centri per persone con disabilità.

Con l’apertura della stagione termica sono ripresi anche i controlli a campione operati dal Comune di Milano, che ogni anno verifica circa 10 mila impianti, tra autonomi e centralizzati. A questi controlli si aggiungono diverse azioni messe in campo dal Comune, come il bando per la concessione di contributi per opere di miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici privati per un totale di 23 milioni e 250 mila euro o il protocollo recentemente firmato con GSE per l’efficientamento energetico di edifici scolastici, per un valore di 18 milioni di euro. Inoltre, tra il 2005 e il 2017, sono stati effettuati interventi in 31 centrali termiche per 11 milioni e 600 mila euro e ad oggi sono allacciati alla rete di teleriscaldamento 47 edifici comunali non residenziali. Sono stati anche avviati i lavori di trasformazione da gasolio a metano delle 29 centrali termiche negli stabili di edilizia residenziale pubblica comunali.

Infine, per ogni dubbio o informazione il Comune mette a disposizione lo Sportello Energia (in corso Buenos Aires, nel sottopasso pedonale, angolo con via Giovanni Omboni), aperto al pubblico dal lunedì al giovedì dalle ore 10 alle ore 13. È possibile contattare gli operatori anche tramite il numero di telefono 02.88468300, dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.

Lascia un commento