Pigafetta 500, si è costituita l’associazione che farà conoscere l’illustre vicentino

Sono partite in sala Stucchi le attività propedeutiche ai festeggiamenti per i 500 anni dal primo giro attorno al mondo di Antonio Pigafetta con la costituzione dell’associazione culturale Pigafetta 500.
L’associazione verrà gestita da un comitato i cui membri erano presenti per sottoscrivere l’atto costitutivo: Stefano Soprana, presidente, Francesco Rucco, presidente onorario, Valeria Cafà, vicepresidente, Romano Concato, segretario, Valter Casarotto, tesoriere. Membri del consiglio sono Otello Dalla Rosa, Luca Milani, Roberto Cuppone, Silvio Fortuna.

“Prende vita l’associazione che ricorderà i 500 anni della circumnavigazione del globo di Antonio Pigafetta, illustre concittadino che è stato protagonista della storia e che dà il nome ad un noto liceo della città – ha annunciato il sindaco Francesco Rucco, presidente onorario dell’associazione Pigafetta 500 -. L’idea è nata da scommessa lanciata da Stefano Soprana, Valeria Cafà e Romano Concato che hanno voluto coinvolgere, durante la campagna elettorale, due candidati sindaci, il sottoscritto e Otello Dalla Rosa. L’atto costitutivo e lo statuto dell’associazione – ha continuato il sindaco – sono stati redatti grazie alla collaborazione del notaio Giuseppe Curreri che ha voluto donare la sua prestazione professionale alla città. Nei prossimi giorni il presidente riunirà il direttivo per iniziare a programmare le iniziative che mi auguro abbiano un sostengo da parte della città, del mondo culturale ed economico poiché si tratta di un’occasione per far conoscere Vicenza e il suo patrimonio storico culturale. Vicenza si inserirà così in un circuito mondiale in cui avranno saranno protagoniste in particolare il Sud America e in Spagna con Siviglia”.

Ha poi preso la parola Stefano Soprana, presidente dell’associazione Pigafetta 500: “Il primo appuntamento fissato è il 20 settembre 2018, ad un anno esatto dalla partenza della spedizione di Magellano, quando l’associazione si presenterà alla città con l’intenzione di suscitare entusiasmo nei confronti del nostro concittadino, Antonio Pigafetta, uno dei 18 sopravvissuti che raccontò e scrisse tutta la spedizione di cui, senza di lui, oggi non sapremmo nulla”. Infine è intervenuto il consigliere comunale Otello Dalla Rosa, membro del consiglio dell’associazione Pigafetta 500: “Pigafetta è il primo vicentino globale, partito all’avventura verso un mondo che prima non si conosceva. Un atteggiamento che ricorda la prima fase dell’industrializzazione vicentina in cui gli imprenditori andavano alla scoperta del mondo con i loro prodotti. Un parallelismo questo che lega il viaggio di Pigafetta con la storia dell’economia vicentina fatta di export e di intraprendenza individuale”. Successivamente i nove membri dell’associazione hanno firmato l’atto costitutivo alla presenza del segretario generale del Comune di Vicenza Antonio Caporrino.

La storia

Il 20 settembre 2019 verranno ricordati i cinquecento anni del primo giro attorno al mondo compiuto sotto il comando del portoghese Ferdinando Magellano e descritto dal vicentino Antonio Pigafetta. La spedizione di Magellano costituì una svolta epocale per la storia dell’umanità, paragonabile allo sbarco dell’uomo sulla Luna. Grazie alla spedizione, si ebbe la certezza che la Terra è rotonda e che è circumnavigabile. Concretamente, portò a un rapido cambio di prospettive nelle conoscenze (da quelle geografiche a quelle astronomiche), nei commerci e nelle politiche mondiali: fu l’inizio della globalizzazione, un processo lento e inarrestabile di cui oggi si vivono, nel bene e nel male, gli effetti maggiori e di cui il primo cronista fu proprio Pigafetta. Nonostante l’importanza di tale impresa, oggi il nome di Pigafetta è poco conosciuto, e la sua storia è ignorata perfino dai suoi concittadini.
La storia racconta che il 20 settembre 1519 Ferdinando Magellano, al servizio della corona spagnola, salpò dal porto di Siviglia con cinque caravelle e 270 uomini con lo scopo di cercare il “passaggio ad ovest”, una via che consentisse alla Spagna di raggiungere Molucche senza passare attraverso i possedimenti portoghesi. Il viaggio si concluse quasi tre anni dopo: l’8 settembre 1522, dopo ammutinamenti, malattie e la morte del comandante, una sola caravella giunse a destinazione. A bordo 18 sopravvissuti tra cui Pigafetta che raccontò l’avventuroso viaggio intorno al mondo.

L’associazione

L’idea di creare un’associazione è nata durante la recente campagna elettorale dai due candidati sindaci delle due maggiori coalizioni. Successivamente la giunta ha espresso parere favorevole.
L’associazione ha lo scopo di promuovere studi, ricerche, iniziative, collaborazioni ed eventi, celebrativi della figura di Antonio Pigafetta, dei 500 anni attorno al mondo e di tutti i temi legati alla figura della spedizione di Magellano. Inoltre verranno promossi corsi e percorsi formativi e didattici. Il tutto attraverso la ricerca di fondi sponsor e partner, con convenzioni con altre associazioni. E’ prevista anche la promozione di relazioni con i paesi toccati dalla spedizione di Magellano e di contatti con aziende, enti, scuole, università.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin