Arrivano animali artificiali in grado di affrontare gli ostacoli

Boston continua a generare robot intelligenti. Dal Mit arrivano droidi capaci di compiere azioni versatili. Cheetah 3 è un cane robot delle dimensioni di un Labrador. Si distingue dagli altri per alcune nuove soluzioni di navigazione.

Cheetah 3 è cieco

Il robot può muoversi su diversi tipi di terreni, salire e scendere scale piene di ostacoli o recuperare l’equilibrio senza usare alcun sensore visivo. E’ predisposto per essere impegnato durante catastrofi naturali dove la visibilità è nulla o ridotta. Il robot vane pesa 40 chili. Sarà dotato di una videocamera ma solo per sicurezza. Secondo gli scienziati si muove grazie a un sistema di blind locomotion, cioè “locomozione cieca”, forte di una serie di nuovi algoritmi in grado di decodificare il contatto, impostare i movimenti in base a esso e determinare quanta forza occorre usare per ogni passo. Lo stesso meccanismo aiuta il robot a reagire a stimoli esterni come calci o spinte.

“La visione può essere in parte inaccurata e disturbata e spesso non disponibile” illustra il creatore di Cheetah 3, Sangbae Kim. “Se ci si affida troppo il robot dovrà essere molto preciso nel posizionamento e questo lo rallenterà”. Ecco perché la strada migliore si lega allo sviluppo dei nuovi algoritmi tattili, che consentono all’animale artificiale di “vedersela con ostacoli inaspettati mentre si muove con rapidità”.

Lascia un commento