Milano. Sabato al Museo botanico visite guidate adatte a tutta la famiglia

Sabato 16 giugno il Museo Botanico Aurelia Josz apre le sue porte per raccontare a grandi e bambini i tesori nascosti del territorio lombardo. Una giornata da vivere in mezzo alla natura, prendendo parte a percorsi guidati, laboratori, attività ludico-divulgative e performance.

Le iniziative sono organizzate dal Settore Verde del Comune di Milano. Hanno lo scopo di creare un collegamento emotivo con la natura per favorire, soprattutto nei bambini, un coinvolgimento attivo nella sua tutela, anche nel contesto urbano.

Il palinsesto di sabato 16 giugno: dalle 14 alle 19 – Il processo creativo rigenera? – Cinque progetti di studenti dell’Accademia di belle Arti di Brera in dialogo con la natura. Saranno presenti gli autori; dalle 14 alle 18 – Visite guidate al Museo Botanico accompagnati dai Ciceroni, studenti dell’Istituto Pareto, Sezione professionale agrario di Milano e del Liceo Scientifico Severi; dalle 15 alle 16 – Semine estive! – Semina e messa a dimora delle varietà estive nel Labirinto dei Cereali; dalle 15 alle 16 – Orto dell’Omeopatia – La fondazione Belladonna Onlus illustra le sperimentazioni di trattamenti omeopatici in campo botanico.

Dalle 15 alle 17 – Parole verdi – Reading di brani che parlano di natura e ambiente a cura dei lettori volontari del patto di Milano per la Lettura; dalle 16 alle 17 – Chi vive negli stagni e nei fossi? – Nicoletta Ancona dell’Acquario Civico di Milano accompagnerà i visitatori alla scoperta degli ecosistemi umidi autoctoni; dalle 17:30 alle 18:30 – Un gioco dell’oca… a regola d’arte – Un gioco per mettere alla prova le conoscenze dei visitatori attraverso l’esplorazione del Museo e il superamento di alcune sfide per il traguardo finale.

Il Museo Botanico ‘Aurelia Josz’ si trova in via Rodolfo Margaria 1 ed è facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici (tram 4 e 5, autobus 51 e 83, MM3 Dergano e Maciachini). L’ingresso e la partecipazione alle attività sono gratuiti e senza prenotazione e adatti a tutta la famiglia.

Lascia un commento