A Milano si attiva il contatore del riciclo

Arriva a Milano il “Contatore ambientale”. Sono state definite dalla Giunta Sala le linee guida dell’intesa fra CoNaI (Consorzio nazionale imballaggi), AMSA S.p.A. e A2a Ambiente S.p.A. – Gruppo A2a e AMAT per la realizzazione di uno strumento di misurazione dei benefici generati da un efficiente sistema integrato di gestione dei rifiuti urbani, del minore impatto rispetto al conferimento indifferenziato in discarica e della sua trasformazione in un nuovo oggetto.

“A Milano siamo impegnati a diminuire la quantità di rifiuti e ridurre le emissioni inquinanti – dichiara Marco Granelli, assessore alla Mobilità e Ambiente –. È importante continuare ad abbattere la quantità di rifiuti abbandonati, i consumi di energia e il conseguente aumento delle temperature contro l’inquinamento del pianeta. Per raggiungere questi obiettivi sono necessarie scelte politiche forti, capacità gestionali e tecnologiche nella raccolta dei rifiuti ma soprattutto è fondamentale il costante contributo dei cittadini. Per questo informare chi, con i propri comportamenti, determina il successo della raccolta differenziata è un nostro dovere”.

Mediante un contatore analogo a quello che fu realizzato da CoNaI durante il semestre di Expo 2015, che ha puntualmente misurato i risultati della raccolta differenziata dei rifiuti, Milano potrà valutare i benefici ambientali, economici e sociali generati da una corretta gestione dei rifiuti durante le fasi di raccolta, trasporto, pre-trattamento e recupero dei rifiuti in termini di emissioni di CO2 evitate, quantità di rifiuti sottratta alla discarica e avviata a riciclo, le materie prime seconde generate e il risparmio idrico ed energetico. La realizzazione del ‘Contatore ambientale’ di Milano è prevista per l’inizio del 2019.

Lascia un commento