Affondano i social media: Facebook -2,56%, Twitter -10,38%

Una catastrofe per Facebook che rischia di chiudere travolta dallo “scandalo del secolo”. Sono gli effetti di Cambridge Analytica con l’impiego a fini politici e senza consenso di dati personali. A sostenerlo il garante Ue per la privacy, Giovanni Buttarelli, spiegando che le elezioni europee dell’anno prossimo “sono un importante test per tutti noi: il problema è reale e urgente”. A picco titoli dei social media in Borsa: Facebook -2,56%, Twitter -10,38%.

Facebook brucia 9 miliardi di dollari

In meno di 48 ore il tracollo dei titoli Facebook di lunedì e martedì ha colpito pesantemente il patrimonio di Mark Zuckerberg, che in due sedute ha visto la sua fortuna scendere a 66 miliardi di dollari dai 75 miliardi di dollari di venerdì scorso. “Il modo in cui funziona il sistema” di raccolta dei dati attraverso app, like, pagine fan e altri strumenti legati ai social network “è globale e non c’è frammentazione. In tutti i Paesi l’uso massiccio dei dati e la mancanza di trasparenza” rappresentano un rischio e “non c’è un approccio nazionale”, ha accusato Buttarelli, parlando nel corso di una conferenza stampa a Bruxelles del rischio di un uso dei dati personali degli utenti per influenzare il voto dello scorso 4 marzo in Italia. “Non ho elementi per dire come questi dati siano usati nella pratica”, ha chiarito il garante europeo.

Inchiesta dell’Antitrust USA

La Federal Trade Commission, l’antitrust USA, avrebbe avviato un’indagine su Facebook sull’uso dei dati personali. L’indagine riguarda i profili sui quali Cambridge Analytica è riuscita a mettere le mani e sulla possibilità che Facebook abbia in qualche modo favorito Cambridge nel ricevere i dati.

Facebook, dopo il crollo in Borsa, interviene con una nuova dichiarazione. “L’intera società è indignata, siamo stati ingannati”, si legge in una nota che assicura che Mark Zuckerberg e Sheryl Sandberg stanno lavorando per appurare i fatti e prendere le misure più adeguate. “Siamo impegnati a rafforzare le nostre policy per proteggere le informazioni personali e prenderemo qualunque iniziativa perché questo accada”.

Il cda di Cambridge Analytica ha sospeso l’amministratore delegato Alexander Nix “con effetto immediato, in attesa di una indagine indipendente e completa”. Lo si legge in un comunicato della società inglese.

Lascia un commento