Embraco di Riva di Chieri: congelati i licenziamenti

Buone notizie per l’Embraco di Riva di Chieri. Il Mise conferma lo stop dei licenziamenti per il 2018, con il coinvolgimento del fondo di reindustrializzazione del Cipe e l’attivazione di un fondo per evitare la delocalizzazione. “Ci aspettiamo che ci sia una soluzione anche dal 1° gennaio 2019”, ha dichiarato Lino La Mendola, della Fiom di Torino.

2018: stipendio pieno

“E’ stato raggiunto l’accordo sulla sospensione dei licenziamenti per avere il tempo di operare sulla reindustrializzazione su cui Embraco e Whirlpool si sono impegnate”, ha specificato il ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda. Fino a fine 2018 i lavoratori avranno lo stipendio pieno. “Siamo soddisfatti ora l’obiettivo è la reindustrializzazione”.

“L’incontro presso il ministero dello sviluppo Economico rappresenta un passo importante nell’ambito di un rinnovato spirito di collaborazione tra Whirlpool Corporation, capogruppo di Embraco Europe, i rappresentanti dei lavoratori, i sindacati e le istituzioni italiane a livello nazionale, regionale e locale”. Lo scrive in una nota stampa l’Embraco. L’azienda spiega di avere “presentato una nuova soluzione alternativa per sostenere i dipendenti di Riva presso Chieri per un periodo di tempo più esteso, mantenendo le proprie attività operative fino alla fine del 2018”.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin