Dalla Lombardia al Lazio il modello renziano guarda a Sinistra

I renziani pur sapendo di avere perso la partita prima ancora di iniziare a giocare, su scala politica, stanno creando dal nulla alleati di centro. Si tratta di piccole formazioni numericamente poco consistenti, raggruppamenti che in comune hanno solo l’ambizione di conquistare un posto in Parlamento. La scelta per Matteo Renzi è quasi obbligata. L’ex premier ha spinto la Sinistra radicale fuori dal Pd convinto di potere realizzare il Partito della Nazione, di allargare il consenso e di concentrare tutto nelle sue mani. L’ex sindaco di Firenze è rimasto scottato. La Ditta se n’è andata e ha portato via almeno un terzo del partito. Il Pd rischia di finire sotto il 23% e potrebbe calare fino al 20%. Mentre Grasso e soci veleggiano sul 7% e puntano sino al 10%. I renziani non solo saranno subalterni ai grillini ma anche a Silvio Berlusconi tornato nuovamente protagonista e vincente.

Pd e Grasso insieme nel Lazio

Dopo la batosta in Sicilia, Renzi è già cosciente che perderà il Governo del Paese per i prossimi anni. Qualche speranza di rimanere a galla potrebbe arrivare dal Lazio. Nicola Zingaretti è l’uomo giusto per suggellare un patto di centrosinistra. In Regione il Pd è alleato di Sel. L’idea di correre alle regionali con i dem non piace a tutti gli uomini di Grasso ma, alla fine, si è certi che l’accordo elettorale si troverà.

Pd e Grasso insieme in Lombardia

Se nel Lazio Zingaretti può cercare la riconferma grazie ad un centrosinistra unitario, in Lombardia non c’è storia. Bobo Maroni sarà rieletto Governatore. L’avvicinamento si cerca anche la Lombardia. I grillini sono marginali per la corsa al Pirellone. Per Giorgio Gori non c’è alcuna speranza. L’obiettivo del candidato del Pd è però contenere i danni. Per farlo ha aperto un canale di comunicazione con Liberi e Uguali in nome di un patto anti Lega. I parlamentari di Leu avrebbero fatto da mediatori per un incontro tra Gori e Grasso. Alla fine anche qui l’accordo si dovrebbe fare.

matteo renzi in tour

Lascia un commento