Come scegliere le tende da sole

Le tende da sole sono ottimi sistemi per ombreggiare terrazzi, balconi, finestre e giardini molto esposti ai raggi solari, ripararsi da sguardi indiscreti, abbellire la componente esterna di un edificio e limitare il consumo elettrico dovuto dall’uso di condizionatori e ventilatori.

Generalmente questo sistema di “difesa” si compone di una struttura portante composta da bracci, un cassonetto facoltativo o una copertura in lamiera per arrotolare il tendaggio e un tessuto resistente a raggi ultravioletti e intemperie varie.

È necessario imparare a scegliere il tipo di tenda da sole in relazione all’ambiente di riferimento e alle specifiche necessità.

Il tessuto rappresenta il primo elemento da tener presente per scegliere il tendaggio più adatto, considerandolo non solo dal punto di vista estetico ma anche da quello funzionale: fibre naturalima estremamente delicate, fibre 100% in acrilico come tramati resistenti e compatti e pvc come nuovo materiale robusto e idrorepellente.

Le tende da sole sono ottimi sistemi per ombreggiare terrazzi, balconi, finestre e giardini molto esposti ai raggi solari

Bisogna ricordarsi che il compito principale delle tende da sole è quello di proteggere la pelle dai raggi del sole, prima ancora che dal caldo e dagli sguardi indiscreti. In questo senso, il tessuto deve possedere un fattore di protezione, elemento fondamentale che varia a seconda delle caratteristiche del tessuto scelto: la composizione delle fibre conserva una diversa capacità di assorbire e trasmettere i raggi UV, il colore più scuro corrisponde a una maggiore resistenza ai raggi nocivi ma immagazzina una elevata quantità di calore, la trama più fitta risulta più efficace per trattenere le radiazioni dei raggi solari e così via.

Il secondo criterio per scegliere le tende da sole per schermare e ombreggiare gli spazi esterni è la struttura o il telaio. Si tratta di una costruzione composta di diversi elementi (tubolare per reggere la tenda, guide per far scorrere e chiudere il tendaggio, cerniere, bracci estensibili e supporti d’aggancio), generalmente realizzati con materiali in grado di resistere alle intemperie come PVC, alluminio e legno trattato.

Sul mercato di riferimento esistono diversi tipi di tendaggi pronti a soddisfare le caratteristiche dell’ambiente da proteggere, in quanto dispongono di sistemi di chiusura-apertura e strutture differenti:

Tende a bracci

Questo modello è il più utilizzato per i balconi perché consente una protezione superiore: consente di aprire a sbalzo il telo tramite due bracci estensibili, agganciati a una barra superiore alla quale è fissato il tubolare con la tenda arrotolata.

Tende a caduta

Si tratta di un ulteriore modello usato per i balconi che scende in verticale a filo facciata e offre protezione frontale e laterale.

Tende a cappottina

È una tenda molto vistosa che viene usata per balconi, finestre o vetrate per offrire una schermatura superiore e parzialmente laterale: forma bombata, telo cucito sopra un telaio curvato ad arco e movimento con richiamo a fune.

Tende a pergolato

Le tende a pergolato sono l’ideale per le zone di grandi dimensioni come terrazzi e giardini in cui è possibile installare una struttura fissa ancorata a parete e a terra: il telo può passare attraverso le travi o può aprirsi e chiudersi a pacchetto, scorrendo all’interno di guide predisposte.

Lascia un commento