Milano. Piero Pelizzaro Chief Resilience Officer

Piero Pelizzaro coordinerà per Milano, in qualità di Chief Resilience Officer (CRO), il progetto internazionale 100 Resilient cities – Pioneered by The Rockfeller Foundation (100RC) promosso dalla Fondazione Rockefeller – per diffondere e sviluppare in tutto il mondo strategie urbane improntate alla resilienza. Pelizzaro, la cui posizione sarà finanziata da 100RC, sarà incaricato di creare una strategia di resilienza in tutta la città, oltre a trasmettere e comunicare lo sforzo di pianificazione in atto per Milano.

Compito del nuovo CRO sarà individuare soluzioni in grado di fare fronte a possibili crisi fisiche e naturali, come incendi, esondazioni, scarsità d’acqua, caldo estremo ma anche trovare risposte innovative ai temi sociali del 21° secolo come la povertà e la disoccupazione. In qualità di CRO, Pelizzaro risponderà direttamente alla direzione generale e all’Assessorato all’Urbanistica, Verde e Agricoltura e supervisionerà lo sviluppo e l’implementazione di una strategia di resilienza completa per la città.

“Auguro buon lavoro al nuovo Chief Resilience Office, che con la sua esperienza consolidata ci aiuterà a individuare le migliori risposte ai cambiamenti cui andremo incontro nei prossimi anni – dichiara l’assessore all’Urbanistica, Verde e AgricolturaPierfrancesco Maran –. Milano diventerà una città resiliente nella misura in cui accetterà la sfida del cambiamento sviluppando politiche in grado di trasformare possibili problemi in opportunità di crescita e sviluppo sostenibile. Lo vedremo presto nell’ambito del progetto Reinventing cities promosso da C40, che consentirà di trasformare 5 aree degradate della città in luoghi vivi e di elevata qualità architettonica e ambientale”

La nomina del CRO da parte del sindaco Sala è un passaggio fondamentale per la partecipazione di Milano a 100 Resilient Cities, il progetto con cui fondazione Rockefeller, con un impegno di 164 milioni di dollari, intende costruire piani di resilienza urbana in 100 città del mondo. L’impegno di Milano nell’ambito di 100 Resilient Cities ha preso il via nel luglio 2015 e proseguirà ora sotto la guida di Piero Pelizzaro, il cui incarico sarà interamente finanziato da 100RC.

“Sarà una bella sfida portare la resilienza dentro ai processi dell’amministrazione e agli strumenti di governo del territorio – dichiara Piero Pelizzaro –. Molto felice di entrare a far parte di un Comune, quello di Milano, che ancora una volta dimostra di affrontare le sfide socio-economiche e climatiche odierne puntando sull’innovazione dei processi e utilizzando le risorse esistenti. Resilienza ed efficienza.”

Il CRO rappresenta una figura innovativa e determinante nel programma di costruzione della resilienza di 100RC, specificamente progettato per abbattere le barriere esistenti a livello locale e creare partnership, alleanze e meccanismi di finanziamento che affronteranno le vulnerabilità di tutti i residenti della città, con particolare attenzione alle persone in difficoltà economiche e sociali. “Piero Pelizzaro lavorerà a stretto contatto con altri Chef Resilience Officer di tutto il mondo che condivideranno le migliori pratiche e le idee innovative – ha dichiarato Michael Berkowitz, Presidente di 100 Resilient Cities – Pelizzaro diventerà un leader globale nella resilienza e sarà una risorsa per Milano e altre città in tutto il mondo.”

Il nuovo CRO riceverà supporto tecnico da 100RC e potrà contare sugli strumenti per la resilienza messi in atto da organizzazioni private, pubbliche, accademiche e dalle organizzazioni non governative che hanno collaborato a 100RC. A proposito di 100 Resilient cities – progetto ideato dalla Fondazione Rockefeller. 100 Resilient cities – un progetto ideato dalla Fondazione Rockefeller (100RC) aiuta 100 città in tutto il mondo a diventare più resilienti nei confronti delle sfide sociali, economiche e fisiche che aumentano sempre di più nel 21° secolo. 100RC fornisce assistenza attraverso: il finanziamento di un Chief Resilience Officer – Direttore della resilienza – che guiderà il lavoro per la stesura di una strategia di resilienza; appartenenza ad un network di città con le quali condividere best practice e sfide. Per maggiori informazioni, visitare il sito: www.100ResilientCities.org.

Piero Pelizzaro, trentacinquenne originario di Vicenza con laurea specialistica in Economia e politica dell’integrazione europea e master professionale MEUM in Multiutilities, environmental & energy management, è stato selezionato tra le oltre 60 candidature pervenute attraverso il bando lanciato ad agosto. Tra le diverse consulenze in tema di cambiamento climatico e resilienza urbana, il nuovo CRO ha collaborato con Ministero italiano dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del mare, Commissione Europeo Mayors Adapt, Comune di Torino, Climalia, IUAV Planning Climate Change, UNITO ed è stato, grazie alle sue conoscenze di Smart City ed Economia Collaborativa, Project Manager del progetto europeo H2020 Lighthouse Sharing Cities che entro il 2020 trasformerà il distretto di Porta Romana-Vettabbia in un quartiere altamente innovativo.

Piero Pelizzaro

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin