Milano. Ambrogio permette di trovare il professionista adatto

Un elettricista, un idraulico, una badante, una baby sitter. A chi rivolgersi a Milano? “Ambrogio” consente di trovare il professionista adatto e concordare l’intervento in modo facile. E’ l’obiettivo di ‘Ambrogio – Basta chiedere!’, il progetto nato dalla collaborazione tra La Società Umanitaria e la FAEN Consulting, con il patrocinio del Comune di Milano, volto ad affiancare alla normale attività di vendita di quotidiani e riviste delle edicole una capillare rete multiservizi capace di far evolvere la figura dell’edicolante in un moderno e fidato portiere di quartiere a disposizione dei bisogni e delle necessità degli abitanti.

“Vogliamo – spiega l’assessore alle Politiche per il lavoro, Attività produttive e Commercio Cristina Tajani – che le edicole e gli edicolanti tornino ad essere un valido punto di riferimento in ogni quartiere della città. Spazi dove i cittadini possano trovare tutte le informazioni per vivere la città o accedere ai servizi più diversi per risolvere e dare rapide risposte ai piccoli problemi quotidiani”.

Il cuore di ‘Ambrogio-Basta chiedere!’ è una piattaforma informatica che funziona come un vero e proprio ‘social network di quartiere’ e, allo stesso tempo, come un valido motore di ricerca che mette in contatto chi ha un’esigenza con chi può offrirne la soluzione. Alla piattaforma si possono iscrivere persone fisiche e figure professionali: dai piccoli artigiani alle partite Iva e chiunque voglia mettere la propria professionalità a disposizione dei bisogni dei singoli cittadini. L’utilizzo di Ambrogio avviene attraverso smartphone, tablet e pc o recandosi direttamente presso una delle tante edicole presenti in città. È il progetto innovativo, semplice e rivoluzionario che porta solo vantaggi e facilitazioni per coloro che vogliono trovare servizi ed esperti a km0. Apre nuove opportunità di lavoro, relazioni e nuove professionalità.

Chi utilizza ‘Ambrogio’ potrà gestire in totale autonomia la propria registrazione, le ricerche e il contatto con i fornitori di servizi attraverso qualsiasi device. L’innovazione che si aggiunge è la possibilità di rivolgersi direttamente al proprio edicolante di fiducia che si occuperà della registrazione, della ricerca e del contatto del professionista certificato, in sintonia con le singole necessità del cliente. ‘Ambrogio’ persegue anche finalità sociali e di aiuto e sostegno al prossimo attraverso il lavoro e la riqualificazione professionale, ponendosi in coerenza con quanto ha sempre fatto la Società Umanitaria e, in particolare, il suo Presidente, Amos Nannini, recentemente scomparso, che ha fortemente voluto e sostenuto il progetto ‘Ambrogio’ insieme a Nicola Fracasso della FAEN Consulting e ai sindacati SINAGI FENAGI e UIL. Un percorso di formazione aperto al territorio e rivolto a ragazzi e adulti in cerca di occupazione per aiutarli a costruire un progetto personale e professionalizzante e che è anche in grado di rivalutare il ruolo sociale della figura dell’edicolante e soprattutto dell’edicola, che torna ad essere un valido punto di riferimento per la vita di ogni quartiere della città.

Sono sei le edicole che hanno aderito al progetto Ambrogio: piazza Oberdan/Malpighi, via Castelbarco 15, via Fiamma 20, piazza Abbiategrasso, piazzale Lagosta, via Pazzini. Sul territorio milanese sono presenti 632 rivendite di giornali e riviste, di cui 503 esclusive e 129 non esclusive, capillarmente distribuite nelle zone centrali e periferiche presso negozi, supermercati, ospedali, mezzanini delle metropolitane, stazioni ferroviarie, chioschi su aree private e su aree pubbliche. Negli ultimi cinque anni, il numero di edicole in città è calato di oltre il 30%: dall’anno 2012 hanno cessato l’attività complessivamente 368 rivendite.

ambrogio edicole Milano

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano. Ambrogio permette di trovare il professionista adatto Milano. Ambrogio permette di trovare il professionista adatto ultima modifica: 2017-12-02T00:02:24+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento