Vernole: splendida costa con spiagge alternate a scogliere

Adagiato sul mare Adriatico, a pochi minuti da Lecce, sorge il centro di Vernole, che vanta una suggestiva costa dove le spiagge si alternano a scogliere e con pinete. La cittadina di Vernole è una delle mete turistiche più gettonate del Salento, così come emerge dalle proposte vacanza di alltours.it.

Vernole offre molto di più della classica vacanza solo mare e sole. La presenza umana a Vernole risale all’età preistorica di cui è possibile ancora ammirare le tracce. Nel territorio di Vernole sorgono diverse masserie fortificate ed edifici a carattere religioso.

Vernole: le masserie

Una delle più interessanti da vedere è la Masseria Avarella o Favarella nei pressi della cittadella fortificata di Acaya, sulla strada che porta al mare. La Masseria Pier di Noha si trova a sud di Acaya, sulla strada che conduce a Vanze. La Masseria Visciglito si trova vicino all’abitato di Strudà. Alle spalle dell’edificio c’è una chiesetta. Si possono vedere alberi di olivo bimillenari, i più anziani d’Europa.

Le masserie non sono le uniche attrazioni. A Pisignano sorge il Palazzo Baronale Severino Romano che ospita la scuola di scacchi con una biblioteca nazionale dedicata.

Nel centro storico da visitare le chiese di Sant’Anna, dell’Assunta e la Chiesa dell’Incoronata (risalente al Seicento). La chiesa più antica è dedicata a San Lorenzo e si trova vicino al camposanto.

Nelle campagne di Vernole sono tantissime le testimonianze messapiche e preistoriche collegate alle lavorazioni delle pietre e all’architettura a secco. Oltre alle masserie fortificate ci sono i menhir, i palmenti e i frantoi ipogei.

Vernole

Vernole: la riserva naturale di Cesine

In direzione della costa, gli amanti del verde possono visitare la riserva naturale e oasi WWF. Le Cesine, situata a ridosso della costa, è una delle poche zone paludose che nei decenni passati si estendevano da Brindisi ad Otranto.

Il termine Cesine deriva da seges, letteralmente zona abbandonata e senza colture. La Riserva naturale è formata dall’area palustre, dalle dune, dalla pineta, dalla zona coltivata e dalla macchia. L’istituzione dell’oasi risale al 1978 quando si ebbe la dichiarazione di interesse internazionale con la convenzione sottoscritta a Ramsar. Nell’oasi ci sono gli stagni Pantano Grande e Salapi, alimentati dalla pioggia, separati dal mare da dune sabbiose. L’Oasi è sotto la gestione del WWF.

Nella superficie boscosa ci sono perlopiù pinete a pino domestico e a pino d’Aleppo. La fauna è formata da rettili, da anfibi, da differenti specie di uccelli che abitano gli ambienti della Riserva nel corso delle stagioni.

Chi pianifica la sua vacanza a Vernole scopre un lato selvaggio ed intenso del Salento, uno dei tanti volti di una terra sempre più apprezzata dai vacanzieri italiani ed esteri.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento