Si consolida il calo dei transiti dei veicoli in ingresso nella Cerchia dei Bastioni

Dopo 5 mesi dall’applicazione della nuova Area C, si consolida il calo dei transiti dei veicoli in ingresso nella Cerchia dei Bastioni: il 7% in meno rispetto allo stesso periodo del 2016 e il 32% rispetto al 2011, anno in cui sono state introdotte le restrizioni agli accessi in centro.

L’andamento medio giornaliero degli accessi in Area C fino al 12 febbraio era di circa 95 mila veicoli che scendono, successivamente al 13 febbraio e fino a giugno, a 88 mila, con un calo di oltre 7 mila veicoli transitati sotto i varchi.

Particolarmente efficace l’introduzione del divieto di accesso per i veicoli destinati al trasporto merci dalle ore 8 alle ore 10, diminuiti di quasi il 40%.

L’insieme delle nuove misure ha determinato un decremento dei transiti totali pari al 14% dalle ore 8 alle ore 10 e del 7% sulla fascia oraria complessiva di applicazione dei provvedimenti di Area C (dalle ore 7.30 alle ore 19.30), abbattendo la quotidiana punta di congestione.

Con l’istituzione del divieto di accesso l’Amministrazione, per venire incontro alle necessità improrogabili legate al trasporto di merci o all’ingresso in Area C di artigiani per interventi di emergenza, ha introdotto un sistema di deroghe sperimentali che non ha inciso in modo determinante sui risultati raggiunti. Si evidenzia invece una maggiore razionalizzazione delle attività di trasporto merci e di servizio nell’area dei Bastioni.

Per quanto riguarda il divieto di accesso dei veicoli Euro 4 diesel, il cui accesso è stato vietato per i non residenti dal 13 febbraio scorso, rispetto agli stessi periodi del 2016 e del 2017 si registra una variazione dei transiti per difetto del 35%. Quindi le misure adottate hanno permesso di azzerare gli accessi dei veicoli Euro 3 e dimezzare gli Euro 4, maggiori responsabili dell’accumulo di inquinanti nell’aria.

In calo anche i veicoli alimentati a Metano e Gpl, che dal 13 febbraio possono entrare solo previo pagamento del ticket, con una riduzione degli accessi del 32%.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento