Rimedi naturali e non per la caduta dei capelli

La caduta dei capelli e il loro diradamento possono sembrare un percorso obbligato soprattutto nell’uomo che sta invecchiando, ma questo non corrisponde sempre a verità. Molto spesso gli uomini iniziano a perdere i capelli sulla soglia dei trent’anni e questo provoca loro una serie di problemi relazionali e di autostima legati al senso di imbarazzo e inadeguatezza.

Il processo di caduta dei capelli si trasforma in una patologia quando il normale ciclo di vita dei capelli viene alterato o si interrompe a causa di un fattore. Più precisamente, il ciclo di vita di un capello si compone come segue:

  • Nascita o Anagen (una fase che dura 3-7 anni)
  • Riposo o Catagen (un lungo periodo di inattività smette di far crescere il bulbo pilifero per due settimane)
  • Caduta o telogen (per un capello che cade dopo il riposo, c’è ne uno nuovo che cresce dallo stesso bulbo)

Un intervento tempestivo dopo i primi segni di stempiatura o diradamento risulta fondamentale per arrestare la cadutadei capelli con rimedivolti a evitare lo sviluppo di calvizie.

È importante considerare le cause che hanno condotto alla caduta dei capelli nell’uomo per comprendere se si è in presenza di un fenomeno reversibile oppure se è il caso di procedere diversamente. Tra le cause scatenanti è possibile riconoscere il carattere ereditario dovuto al mal funzionamento di un enzima, gli squilibri ormonali o lo stress legati a periodi temporanei, le carenze alimentari di proteine e amminoacidi, l’anomala produzione di sebo e molto altro.

Rimedi naturali

Quando la perdita di capelli è determinata da una causa di natura fisiologica è possibile contrastare la caduta dei capelli con rimedi naturali, piccoli e veri stratagemmi che sfruttano le proprietà e gli effetti benefici di alimenti, sostanze e piante officinali per gestire la situazione al meglio:

  • Alimentazione – I menu quotidiani devono privilegiare alimenti ricchi di vitamine del gruppo B e vitamina E per migliorare la circolazione sanguigna nel cuoio capelluto e garantire un corretto apporto di ferro, fosforo e magnesio (es.frutta secca, pesce, frutti di mare, cereali, avena e altro).
  • Shampoo naturali – Evitare shampoo pieni di siliconi e petrolati vari e preferire prodotti naturali (es. Ghassoul, farina di ceci e aceto di mele) frena la caduta dei capelli.
  • Infusi – L’uso di decotti rappresenta uno dei rimedi naturali più diffusi per la caduta dei capelli (decotti all’ortica, infuso di zenzero, succo di aloe e barbabietola oppure infusi di salvia, rosmarino, menta, tè verde e grano germinato).
  • Maschere homemade – Le maschere casalinghe sfruttano ingredienti naturali come polpa di avocado, olio di oliva, olio di cocco, olio di mandorle dolci, lievito di birra, semi di lino e simili.

Altri rimedi

capelliLa moderna tricologia dispone di alcuni rimedi privi di controindicazioni per contrastare la caduta dei capelli. I rimedi puntano ad arrestare il fenomeno e a favorire la ricrescita dei follicoli piliferi ancora attivi o produttivi.

Specifici preparati dall’effetto rinforzante,insieme a trattamenti a base di laser per capelli o terapie ad alta frequenza, possono riuscire a contenere la caduta di capelli, a patto che si riesca a intervenire in modo tempestivo.

Esistono anche numerose tecniche all’avanguardia che promettono di gestire e risolvere il problema in modo più o meno invasivo come:

  • PRP o Platelet-Rich Plasma – La tecnica prevede il prelievo del sangue del paziente e un processo di centrifugazione che separa le cellule del sangue per ottenere un plasma arricchito di piastrine che, una volta immesso nelle zone interessate, risulta capace di biostimolare il follicolo.
  • Tricopigmentazione – Si tratta di un metodo di micropigmentazione specifica che deposita specifici pigmenti per ricreare l’effetto realistico del capello. Maggiori informazioni sulla tecnica di tricopigmentazione.

Trapianto – L’espiantazione di unità follicolari dalla zona donatrice e il successivo impianto si presenta come una vera e propria tecnica chirurgica.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0