I sindaci Sala ed Emanuel, Politecnico e IIT firmano un Memorandum d’intesa quinquennale

Milano e Chicago l’anno prossimo celebreranno 45 anni di gemellaggio. Una collaborazione importante e proficua, iniziata nel 1973, come hanno ricordato, a Palazzo Marino, il sindaco Giuseppe Sala e il l’omologo di Chicago Rahm Emanuel, in visita in questi giorni a Milano.

Giuseppe Sala e Rahm Emanuel

Nel corso dell’appuntamento, il Politecnico di Milano e l’Illinois Institute of Technology (IIT) hanno firmato un Memorandum d’intesa quinquennale, che mira a sviluppare la collaborazione tra i due istituti nel campo del design. L’intesa è stata sottoscritta dalla preside della Scuola di Design del Politecnico e prorettore del Politecnico, Luisa Collina, e dal preside dell’Illinois Institute of Technology (IIT) di Chicago, Denis Weil.

Al centro del Memorandum il Civic Design (Design-driven new-urban economies – transforming urban place, commerce and small industry by and through design), ossia come il design può supportare la ricerca di nuove soluzioni per le comunità emergenti, trasformare l’economia di aree strategiche sviluppando nuove economie sostenibili, locali e facilitare l’accesso ai servizi grazie alle tecnologie digitali.

La collaborazione si attuerà attraverso lo scambio di personale docente e di studenti selezionati tra i due atenei, la partecipazione a programmi di ricerca condivisi e la promozione di doppie lauree.

Al termine dell’incontro, i due sindaci hanno visitato Fondazione Prada e hanno preso parte a un dibattito relativo al futuro delle due città, in occasione della presentazione della Biennale di Architettura di Chicago, organizzata alla Fondazione Catella.

9 su 10 da parte di 34 recensori I sindaci Sala ed Emanuel, Politecnico e IIT firmano un Memorandum d’intesa quinquennale I sindaci Sala ed Emanuel, Politecnico e IIT firmano un Memorandum d’intesa quinquennale ultima modifica: 2017-07-21T01:19:56+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento