Prestiti inpdap: Tabelle con le condizioni e tassi giugno 2017

Una delle soluzioni ideali e geniali per tutti coloro che hanno bisogno di liquidità e che allo stesso tempo sono dei dipendenti pubblici, anche per colo che sono in pensione, sono i Prestiti Inpdap.

L’Inpdap è il nuovo ente che gestisce questi prestiti, che fino a qualche anno fa venivano gestiti dalla stessa Inps, l’ente che gestisce i dipendenti pubblici e si occupa anche dell’erogazione di prestiti personali.

 

Definire geniali ed ideali questi prestiti sta nel fatto che sono ideali per i dipendenti pubblici, sono vicini ai clienti, con tassi generalmente inferiori rispetto alla maggior parte dei prestiti, oltre che garantire tante altre agevolazioni e il creare una rata mensile ideale per i dipendenti e pensionati.

I prestiti Inpdap ogni anno cambiano regole, variano i tassi, hanno nuove condizioni e vengono stilate nuove tabelle, vediamo nello specifico cosa prevede un prestito Inpdap per coloro che vogliono chiederlo questo mese di giugno 2017.

 

Per coloro che rientrano nei requisiti richiesti, possono richiedere questo prestito vantaggioso in modo semplice e veloce, così come anche la risposta e l’erogazione della liquidità sarà celere.

La richiesta è scaricabile in modo semplice sul sito e una volta compilata si può presentare in uno degli uffici addetti o comodamente online.

 

Si riceverà una risposta e tutte le indicazioni per procedere per le fasi successive. Oltre a questa modalità, ci sono anche numerose agenzie di finanziamento che si occupano di fare tutto per i clienti che hanno intenzione di fare questa richiesta.

 

Con il prestito Inpdap si possono chiedere piccole cifre, con il Prestito semplice, richiedendo piccole e comode cifre, poche migliaia di euto; ma anche grandi cifre, richiedendo un mutuo, tutto a seconda delle esigenze del richiedente.

 

Le rate mensili verranno direttamente trattenute dallo stipendio o pensione, in questo modo non ci saranno problemi di dover pagare la rata con bollettini e sprecare altro tempo oltre che i costi previsti.

 

Anche la somma richiesta con il prestito verrà erogata direttamente sul conto corrente.

Per il Piccolo Prestito Inpdap è previsto un TAN del 4,25% e o,50% per le spese amministrative. Per i Prestiti Pluriennali Garantiti o Diretti, il TAN è del 3,50%, le spese amministrative sempre allo 0,50%.

 

L’età minima richiesta è la maggiore età, avere un contratto a tempo indeterminato, non risultare tra la lista nera dei cattivi pagatori, generato da un vecchio prestito.  Generalmente le risposte dopo aver fatto richiesta arrivano in massimo 14 giorni per poi procedere con contratto da firmare ed erogazione denaro.

Lascia un commento