Milano. Riqualificate piazzale Negrelli e via Parenzo

L’area di piazzale Negrelli e via Parenzo (6.750 metri quadri) era in maggior parte di proprietà privata sino al 2013. Dopo un lungo contenzioso con i proprietari, è stata acquisita dal Comune che ha così potuto dare il via alla riqualificazione di una piazza che fino a oggi era in condizioni di particolare degrado: priva di pavimentazione, percorsi pedonali indefiniti e non protetti e carente illuminazione pubblica.

Milano Piazzale Negrelli

Piazzale Negrelli

Si trova a ridosso del Naviglio Grande, vicino a via Lodovico il Moro, via Parenzo e via Ernesto Rossi e costituisce non solo un un pezzo di città da restituire ai suoi abitanti ma anche uno snodo importante d’interscambio tra Milano e i comuni di Buccinasco e Corsico, nonché capolinea della linea tranviaria 2 che la collega direttamente con il centro.

Grazie all’intervento è stato possibile riorganizzare e razionalizzare lo spazio pubblico, mantenendo la priorità del capolinea del tram 2 ma valorizzando gli spazi dedicati al verde, prevedendo vialetti pedonali delimitati da alberi che occupano oltre il 50% del nuovo piazzale e creando un’area sosta per 123 veicoli, anch’essa circondata da filari di alberi.

Gli interventi di ristrutturazione hanno migliorato l’utilizzo degli spazi di uso pubblico a vantaggio degli spostamenti pedonali, veicolari e del trasporto pubblico, garantendo maggiore fluidità dei veicoli in transito, razionalizzando le funzioni, mantenendo le condizioni di sicurezza delle stesse.

I percorsi pedonali sono connessi con la passerella pedonale sul Naviglio Grande che collega via Lodovico il Moro con l’Alzaia del Naviglio recentemente realizzata nell’ambito dei lavori effettuati durante l’Esposizione Universale.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano. Riqualificate piazzale Negrelli e via Parenzo Milano. Riqualificate piazzale Negrelli e via Parenzo ultima modifica: 2017-07-13T01:41:40+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento