Milano garantisce il diritto allo studio di tutte le bambine e i bambini della città

studioPer tutte le bambine e i bambini della città Palazzo Marino ha approvato lo stanziamento di 18 milioni e 565 mila euro per finanziare nell’anno scolastico 2017/18 interventi utili a promuovere la frequenza scolastica di ogni studente e la piena realizzazione di un adeguato percorso di educazione e formazione.

Assistenza scolastica agli alunni con disabilità

Sono stati stanziati 8 milioni e 500 mila euro erogati alle singole istituzioni scolastiche, che individuano gli enti erogatori del servizio tra i soggetti accreditati con il Comune, privilegiando gli enti territorialmente più vicini alla scuola e nel rispetto del principio di continuità educativa.

È prevista anche la possibilità di estendere il servizio di assistenza educativa agli studenti frequentanti le scuole superiori di Milano, anticipando i fondi degli enti a cui spetta la competenza dell’intervento, come già fatto in passato.

Cedole librarie per acquisto testi della scuola primaria

Per l’erogazione gratuita dei libri di testo agli alunni delle scuole primarie, secondo quanto previsto dalla normativa nazionale, il Comune di Milano ha previsto risorse per 2 milioni e 100 mila euro. Le scuole, attraverso l’utilizzo della piattaforma informatica Ana.Sco, provvedono in autonomia alla stampa delle cedole librarie e alla successiva consegna alle famiglie beneficiarie.

Servizio di trasporto scolastico

L’Amministrazione ha stanziato 6 milioni e 100 mila euro, a carico dell’Area Mobilità, Ambiente ed Energia. In aggiunta a queste risorse, l’Area Servizi Scolastici ed Educativi ha disposto fondi ulteriori per 400 mila euro, destinati specificatamente al trasporto degli alunni con disabilità.

Interventi di piccole riparazioni e minuta manutenzione

La giunta Sala ha deciso un contributo economico complessivo di 300 mila euro, che consenta loro di far fronte alle spese per le piccole riparazioni e alle varie spese di ufficio. Un’azione tempestiva su un guasto contenuto, liquidato direttamente attraverso la cassa scolastica, è importante anche ai fini della prevenzione e della conservazione degli immobili.

Diritto allo studio per inclusione sociale

Fino all’anno scolastico 2012/13 veniva attuato un servizio di trasporto scolastico dai campi situati in zone periferiche particolarmente disagiate che, tuttavia, non incrementava in modo significativo la frequenza scolastica degli alunni, a fronte di una spesa considerevole a carico dell’Amministrazione. Per l’anno scolastico 2017/18, il Comune di Milano ha quindi deciso di investire 100 mila euro in contributi alle scuole che accolgono un numero elevato di bambini provenienti dai campi e ne promuovono la frequenza scolastica e l’inclusione sociale.

Interventi contro la dispersione scolastica

L’Amministrazione ha deciso di sostenere con un contributo di 75 mila euro l’iniziativa “Scuola della seconda opportunità”, realizzata da una rete di istituzioni scolastiche – IC Arcadia, IC Ilaria Alpi, IC Thouar Gonzaga, IC Tolstoj e IC Sant’Ambrogio – per contrastare il rischio della dispersione scolastica che colpisce giovani alunni a rischio marginalità.

Funzioni miste del personale Ata

Il Comune di Milano ha infine stanziato 590 mila euro da destinare al personale ausiliario tecnico amministrativo (ATA), quando chiamato a svolgere compiti attinenti a servizi vari quali, ad esempio, l’apertura e la chiusura dei locali scolastici e le relative pulizie in orari extra scolastici, e la collaborazione e il supporto per le iscrizioni ai servizi di refezione, prescuola, giochi serali e trasporto.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano garantisce il diritto allo studio di tutte le bambine e i bambini della città Milano garantisce il diritto allo studio di tutte le bambine e i bambini della città ultima modifica: 2017-04-23T00:12:23+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento