Terrorismo. L’Fbi indaga su 300 persone ammesse come rifugiati

Gli indagati sono sospettati di terrorismo. Si tratta di “300 individui ammessi nel nostro Paese nel quadro del programma per i rifugiati, ma che si sono infiltrati con intenzioni ostili o che si sono radicalizzati dopo essere stati ammessi”. Lo ha spiegato una fonte anonima in concomitanza con il nuovo “muslim ban” firmato da Trump, che vieta per quattro mesi l’ingresso a cittadini provenienti da sei Paesi a maggioranza musulmana.

Lascia un commento