In Ungheria sensori di calore e di movimento per evitare l’ingresso di migranti

Ancora una violazione dei diritti umani da parte del Governo di Budapest. Disco verde per la realizzazione di una seconda barriera tecnologica al confine con la Serbia. Il nuovo muro è munito di telecamere notturne e sensori di calore e di movimento per evitare l’ingresso di migranti. La nuova recinzione rafforzerà una barriera eretta nel 2015 lunga 175 km alla frontiera meridionale dell’Ungheria.

Lascia un commento