Roma. Al Macro Testaccio la mostra Nomi cose e città di Giorgio Ortona

Il percorso espositivo pone in scena un censimento “pittorico” sul visibile cittadino, che rappresenta fonte di ispirazione per l’artista. Ricorda il gioco “Nomi cose e città” molto popolare qualche decennio addietro e che per Giorgio Ortona rappresenta un richiamo all’infanzia.

Le opere esposte

Si va dal formato cartolina a quello cinemascope. Grandi vedute urbane dedicate alle palazzine romane e ai cantieri, e poi corpi, interni, sacchi di cemento, bassi elettrici, calchi di dentiere. Un giro d’Italia e del mondo, dove appaiono anche vedute, edifici e cantieri di Napoli, Palermo, Il Cairo, Kiev, Nuova Delhi, tutti simili e anonimi come immagini di un mondo globalizzato ed omologato.

La mostra è curata da Gabriele Simongini e promossa da Roma Capitale in collaborazione con M77 Gallery di Milano. Si tiene al Macro Testaccio fino al 15 gennaio 2017.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin