Roma. Al Macro Testaccio la mostra Nomi cose e città di Giorgio Ortona

Il percorso espositivo pone in scena un censimento “pittorico” sul visibile cittadino, che rappresenta fonte di ispirazione per l’artista. Ricorda il gioco “Nomi cose e città” molto popolare qualche decennio addietro e che per Giorgio Ortona rappresenta un richiamo all’infanzia.

Le opere esposte

Si va dal formato cartolina a quello cinemascope. Grandi vedute urbane dedicate alle palazzine romane e ai cantieri, e poi corpi, interni, sacchi di cemento, bassi elettrici, calchi di dentiere. Un giro d’Italia e del mondo, dove appaiono anche vedute, edifici e cantieri di Napoli, Palermo, Il Cairo, Kiev, Nuova Delhi, tutti simili e anonimi come immagini di un mondo globalizzato ed omologato.

La mostra è curata da Gabriele Simongini e promossa da Roma Capitale in collaborazione con M77 Gallery di Milano. Si tiene al Macro Testaccio fino al 15 gennaio 2017.

9 su 10 da parte di 34 recensori Roma. Al Macro Testaccio la mostra Nomi cose e città di Giorgio Ortona Roma. Al Macro Testaccio la mostra Nomi cose e città di Giorgio Ortona ultima modifica: 2016-12-19T00:01:30+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento